Vive le Cinéma. Festival del Cinema Francese a Lecce

0
154

Fervono i preparativi nella Biblioteca Provinciale “Nicola Bernardini” dell’ex Convitto Palmieri di Lecce per “Vive le Cinéma”. Da mercoledì 11 a domenica 15 luglio il Festival di cinema francese, promosso dalla Regione Puglia e realizzato da Apulia Film Commission, ideato e diretto dal regista e sceneggiatore Alessandro Valenti, dal produttore Angelo Laudisa e dalla storica dell’arte Brizia Minerva, si svolgerà, dopo le prime due edizioni nel Castello di Acaya, nel cuore del centro storico del capoluogo salentino. Dal 2016 “Vive le Cinéma” porta in Puglia il meglio della cinematografia francese per consolidare i legami creativi con il Sud Italia e segnare il primo passo verso un vero e proprio “patto culturale” tra la Puglia e la Francia, prima industria cinematografica Europea e terza al mondo con quasi 300 film prodotti ogni anno con oltre 200 milioni di spettatori.

Il programma – che sarà illustrato lunedì 9 luglio durante una conferenza stampa a Lecce – proporrà cinque giornate a ingresso gratuito con proiezioni – esclusive per l’Italia – di corti, documentari e lungometraggi, master class, incontri, musica. Dopo Chiara Mastroianni e Nicole Garcia, il presidente della giuria dei lungometraggi sarà l’apprezzato regista François Ozon, nel 2018 nelle sale italiane con il suo ultimo film “Doppio amore”, affiancato dall’attrice Anais Demoustier, dal regista e sceneggiatore Sebastiano Riso e dalla costumista Pascaline Chavanne. La giuria di corti e documentari, guidata dall’attrice Vimala Pons, sarà composta invece dall’attrice Lolita Chammah, dal regista, sceneggiatore e produttore Leonardo Guerra Seragnoli e dai produttori Alain Benguigui e Ilaria Castiglioni.

In concorso i lungometraggi “Place Publique” di Agnès Jaoui, “La Douleur” di Emmanuel Finkiel, “Luna” di Elsa Diringer, “Gaspard va au marriage” di Anthony Cordier, “Une vie violente” di Thierry de Peretti e “Patients” di Grand Corps Malade e Mehdi Idir; i corti “Les Bigorneaux” di Alice Vial, “Ordalie” di Sacha Barbin, “Le Bleu Blanc Rouge de mes Cheveux” di Josza Anjembe, “Pvblo” di Julien Carpentier, “Pépé le Morse” di Lucrèce Andreae, “Le Pérou” di Marie Kremer, “Marlon” di Jessica Palud; i documentari “Libre” di Michel Toesca, “Carré 35” di Eric Caravaca e “12 Jours” di Raymond Depardon. Nel Salento arriveranno numerosi attori e registi in concorso: Melanie Thierry, Agnès Jaoui, Eric Caravaca, Thierry De Peretti, Laetitia Clement, Rod Paradot, Felix Moati, Josza Anjembe, Julien Carpentier e Michel Toesca. Sabato 14 luglio il festival proporrà anche una tavola rotonda su politica culturale e cambiamenti sociali con la produttrice e parlamentare Frédérique Dumas, la giornalista Véronique Auger e l’assessora all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia Loredana Capone. Domenica 15 luglio, dopo la cerimonia di premiazione, sullo schermo (fuori concorso) Drôles d’oiseaux, la commedia agrodolce della regista Élise Girard.

“Vive le cinéma“ è finanziato dalla Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale – a valere su risorse FSC Puglia 2014-2020 – Patto per la Puglia – e realizzata dalla Fondazione Apulia Film Commission in partnership con la Provincia di Lecce, il Comune di Lecce, l’Istituto delle Culture Mediterranee, l’Università del Salento e Pugliapromozione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.