Vincenzo BARBA su prossime elezioni amministrative a Gallipoli

0
421

E adesso costruiamo un tavolo fervoroso per la rinascita di Gallipoli. Non importa da dove veniamo, ma dove e come vogliamo andare, insieme!!! L’appello del Senatore Vincenzo BARBA

Senza entusiasmo non c’è rinascita e Dio solo sa di quanta carica e di quanta passione c’è bisogno per restituire a Gallipoli almeno la speranza.

Vedo in giro troppa mestizia e tanto grigiore. Perciò, ciascuno faccia in cuor suo un bell’esame di coscienza, si confronti con la propria moglie o con la propria compagna, discuta con i propri zii e con i propri nipoti, si soffermi con gli amici e con i conoscenti e se in cuor suo, ripeto, è convinto di avere un barlume di luce e di passione, lo metta a disposizione di questa città e condivida insieme a noi un cammino comune per ridare alla “Città Bella” un Consiglio Comunale rappresentativo e propositivo e un governo serio e credibile.

Penso, senza l’ombra del minimo dubbio, che sia veramente arrivato il momento di mettere da parte personalismi ed egoismi di sorta. Non devono contare nulla appartenenze partitiche che passano, invece, in secondo piano rispetto alla sacrosanta necessità di salvare Gallipoli dalla deriva: sediamoci tutti intorno ad un tavolo, possibilmente con sedie dure e senza cuscini per evitare il rischio delle cose soffici che potrebbero essere causa di pericolose sonnolenze o di facili appetiti.

Serve, invece, stare belli svegli e attenti per incanalare in un progetto di sviluppo, eventualmente anche su una sola persona e quindi un solo candidato, le tante idee che devono essere messe in campo per la svolta e per l’innovazione. Tutti dobbiamo sentirci fondamentali perché, come diceva il grande Totò, è la somma di tutto che fa il totale!

Io e i miei, come sempre, siamo qui, non ci tireremo indietro e ci dichiariamo disponibili a dare il contributo di entusiasmo, di voglia di fare, di energia per sé e per gli altri. I ruoli e le mansioni del nuovo progetto li decideremo insieme, uomini di destra e di sinistra, coinvolgendo anche il centro, come si fa in una vera squadra che ambisce a vincere e non a giochicchiare la partita e a stiracchiare un misero pareggio.

Mai come in questo momento penso che Gallipoli abbia bisogno di volti dal comportamento nuovo e diverso, ultracarichi di entusiasmo e dalla voglia di fare veramente, indipendentemente dal colore politico, dall’appartenenza a partiti e alle loro diverse correnti, uomini e donne che vogliano rimboccarsi le maniche per evitare il ripetersi di quanto accaduto nel recente passato.

Nella “Perla dello Jonio” i progetti politici non durano perché non c’è entusiasmo, perché non ci si riconosce in un progetto di prospettiva. Si fa politica a volte troppo a testa bassa e a volte in maniera diametralmente opposta, con la testa troppo in alto tra le nuvole.

Io mi dichiaro disponibile a far parte di un nuovo progetto politico che sia esattamente agli antipodi del malgoverno che abbiamo vissuto in questi ultimi anni e che viva di luce propria, di passione, di entusiasmo e veramente voglia di fare con grande positività.

Solo e soltanto in questo caso potrà rinascere Gallipoli e ciascuno di noi avrà l’orgoglio di aver messo il proprio mattoncino.

La politica del “prendo intanto io che poi prenderai anche tu” non fa parte del nostro orizzonte e se sarà quello lo spiraglio che andremo a intravedere faremo non uno ma cento passi indietro.

Abbandoniamo inutili, forse, collocazioni politiche, desistiamo da strumentali difese d’ufficio della propria appartenenza partitica e pensiamo solo al bene di Gallipoli, nella consapevolezza delle tantissime difficoltà; almeno proviamoci!!!

Sen. Vincenzo BARBA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.