Università del Salento

0
218

“EUROPA E DINTORNI: ASSAGGI DI CULTURA, LINGUE E TRADIZIONI” IL 15 MARZO PARTE LA RASSEGNA PENSATA PER CELEBRARE L’ANNO EUROPEO PER LO SVILUPPO

Prenderà il via domenica 15 marzo 2015, alle ore 19 presso le Officine Cantelmo (viale De Pietro, Lecce), la rassegna “Europa e dintorni: assaggi di cultura, lingue e tradizioni”: una serie di appuntamenti come tappe di un viaggio attraverso i paesi Europei, la loro cultura, la loro musica e le loro tradizioni (e con uno sguardo anche al di là dei confini europei), organizzati dal centro di informazione Europe Direct del Salento dell’Università del Salento.

«Informare, sensibilizzare, coinvolgere i cittadini europei sui temi della cooperazione e dello sviluppo globale sono gli obiettivi dell’Anno Europeo per lo Sviluppo proclamato per il 2015 con una decisione del Consiglio e del Parlamento Europeo, con il motto “il nostro mondo, la nostra dignità, il nostro futuro”», spiegano gli organizzatori, «Uno dei messaggi che l’UE lancia quest’anno è “Think global, act local” (pensa globalmente, agisci localmente): una singola persona può fare la differenza. È in quest’ottica di partecipazione, condivisione, coinvolgimento ed educazione europea che abbiamo organizzato la rassegna».

Attraverso la proiezione di film e appuntamenti musicali e culturali, con questa rassegna Europe direct del Salento propone un percorso che, in modo non convenzionale, mira alla ricerca della conoscenza reciproca in una società sempre più eterogenea e multiculturale.

Il primo appuntamento, appunto, è in programma il prossimo 15 marzo e sarà dedicato a Portogallo e Brasile. Nei giorni a seguire, una serie di incontri e la proiezione di film sulla cultura araba.

In allegato il programma dettagliato degli incontri fissati fino ad aprile. La rassegna continuerà per tutto il 2015 nell’ambito delle celebrazioni per i 60 anni dell’Università del Salento.

Per ulteriori informazioni: europedirect@unisalento.it

“Europa e dintorni: Assaggi di cultura, lingue e tradizioni” – CALENDARIO marzo/aprile 2015

Date Orario Luogo COSA Lingua TITOLO Breve descrizione
15-mar 19.00 – 21.00 Officine Cantelmo APPUNTAMENTO LINGUISTICO Portoghese Portogallo e Brasil Un viaggio nelle storie della musica, tradizioni e cultura del Portogallo
Video presentazione Portogallo
Sessione di Fado a cura di Barbara della Corte (Voce) e Marco Poeta (Chitarra)
Il Cinema portoghese (Alessandro Presice)
Il “Cante Alentejano” presentazione del trailer del docu-film “Alentejo Alentejo”

Brasil… uma viagem na “Bossa” (45 min)
un viaggio nelle storie e nella storia della Bossa Nova

con il gruppo Filosolfejando
Eugenia Verdaguer – voce
Mimmo Fazio – chitarra
Leandro Sardeiro – basso
Paulo Cesano – batteria

Un viaggio negli Anni Dorati del governo di Juscelino Kubitschek tra industrializzazione, architettura rivoluzionaria e influenza del jazz.
La Rio de Janeiro degli anni ‘50 e la nascita della Bossa Nova attraverso i brani più famosi, i suoi cantautori e le storie che raccontano i suoi classici.
Águas de Março (Tom Jobim)
Dasafinado (Tom Jobim /Newton Mendonça) / Garota de Ipanema (Tom Jobim/ Vinícius de Moraes)
Samba de uma nota só (Tom Jobim /Newton Mendonça)
Chega de saudade (Tom Jobim/ Vinícius de Moraes)
Chiclete com banana (Gilberto Gil)
Influência do jazz (Carlinho Lyra)
Samba do malandro (Chico Buarque)

17-mar 18.00 – 20:00 Officine Cantelmo CINEFORUM Araba Hassan wa Morqos, 2008 (Egitto), regia di Ramy Imam
(in arabo con sottotitoli in inglese)
I due protagonisti, un teologo copto e uno shaykh musulmano, sono inseriti dalla polizia in un programma di protezione testimoni e costretti a fingersi l’uno musulmano e l’altro copto, poiché sottoposti a minacce terroristiche da estremisti rispettivamente copti e musulmani. Il film racconta con ironia cosa significa vivere da musulmano e vivere da copto e come le relazioni tra i due siano apparentemente buone ma impregnate di una grande diffidenza reciproca.
In quale misura la fede religiosa influenza le amicizie e l’amore?
26-mar 18.00 – 20:00 Officine cantelmo CINEFORUM Araba West Beyrouth, (tit. Or. Beyrouth Al Gharbiyya), 1998 (Libano), regia di Ziad Doueiri
(in arabo con sottotitoli in inglese)
Il film racconta gli inizi della guerra civile del Libano, scoppiata nel 1975, dal punto di vista di tre adolescenti (un laico, un musulmano e una cristiana) che scoprono l’amicizia e l’amore mentre una violenza sempre più brutale travolge la città e la società che li circonda. I due ragazzi non possono più frequentare il loro liceo che si trova nella zona occupata dalle milizie cristiane e cominciano a girovagare per Beirut con la loro amica Mary, scoprendo la loro città e maturando attraverso la scoperta.
01-apr 18:00 – 20:00 Officine Cantelmo CINEFORUM Araba La Vierge, les coptes, et moi, 2011 (Francia), di Namir Abdel Messeeh (in francese e arabo con sottotitoli in francese) Dopo aver visto una videocassetta che presenta la presunta apparizione della Vergine Maria in cima al campanile di una chiesa del Cairo davanti a migliaia di fedeli, Namir, un giovane parigino originario di una famiglia copta, parte immediatamente per raccogliere testimonianze e prove fotografiche. Insoddisfatto della documentazione raccolta nella capitale, Namir continua la sua inchiesta in una cittadina dell’Alto Egitto, dove coinvolge tutti gli abitanti nell’impresa di ricreare in un film l’apparizione della Vergine.
09-apr 18:00 – 20:00 Officine Cantelmo CINEFORUM Araba A tale of twoSyrias, 2012 (Gran Bretagna), di Yasmin Fedda
(in arabo con sottotitoli in inglese)
Un anno prima della guerra civile siriana, la regista ha filmato in questo documentario le vite di due personaggi: uno stilista iracheno rifugiato a Damasco, e un monaco siriano del convento di Mar Musa, presso Nebek, sede della comunità monastica fondata dal gesuita italiano Paolo Dall’Oglio.
10-apr 19.00 – 21.00 Officine Cantelmo APPUNTAMENTO LINGUISTICO Russo La Russia
17-apr 17:30-20:30 Officine Cantelmo CINEFORUM Araba Uomini di Dio (tit. or. Des hommes et des dieux), 2010 (Francia), di Xavier Beauvois(in italiano) Un monastero in mezzo ai monti del Maghreb, anni ‘90. Otto monaci cistercensi francesi vivono serenamente in mezzo alla popolazione musulmana di un vicino villaggio, aiutando le persone con la medicina e dando loro ciò che manca e di cui hanno bisogno. Tuttavia, il massacro di un gruppo di operai stranieri porta scompiglio e panico tra gli abitanti del villaggio. Le autorità locali cercano di dare ai monaci una protezione, ma costoro rifiutano la proposta e poco tempo dopo ricevono la visita di un gruppo integralista, capeggiato da Ali Fayattia, che rivendica di essere l’autore del massacro. Da quel momento la vita dei monaci non sarà più la stessa e il frate priore del convento, padre Christian, ben presto sarà costretto a riunire i suoi confratelli per prendere una determinata presa di posizione..
26-apr 19.00 – 21.00 Officine Cantelmo APPUNTAMENTO LINGUISTICO SPAGNOLO LA SPAGNA
28-apr 18.30 – 20.30 Officine Cantelmo CINEFORUM Araba Gli Italiani d’Egitto, 2011 (Italia), regia di SherifFathy Salem
(in italiano con sottotitoli in arabo)
Questo documentario racconta la storia degli Italiani residenti in Egitto nella prima metà del Novecento e del loro contributo all’architettura, all’industria e alla cultura egiziane. La comunità italiana era la più antica comunità europea in Egitto e la più amalgamata alla società egiziana. Raggiunse il suo apice durante gli anni ‘30 del Novecento per poi ridursi drasticamente a partire dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Il documentario raccoglie le testimonianze dei suoi ultimi rappresentanti.

Il film sarà presentato da Anna Moscatelli, docente di Lingua e letteratura araba presso l’Università di Bari e “italiana d’Egitto”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.