Un sistema di rete e le Idee che divengono innovazione

0
253

“I Binari della Tradizione” fanno tappa a Novoli.

Il progetto è alla sua II Edizione e conseguentemente  alla prima  i soggetti coinvolti hanno dato vita ad una Associazione sovracomunale per la promozione sociale e culturale del territorio. Proprio l’idea di incontrare lungo il “viaggio ideale” ed anche quello fisico sulla tratta delle Ferrovie del Sud Est  uomini ed associazioni, costituisce un nuovo modello di governance che parte dal basso. Il progetto è in costante aggiornamento e crea il “sistema di rete” che pulsa di partecipazione attiva e si arricchisce di professionalità lungo il tragitto della vita quotidiana. Capita così di incontrare l’associazione che si occupa di integrazione sociale, l’artista di strada, il gruppo di tradizioni popolari, l’anziano che studia presso l’Università della Terza Età, gli amici delle Città che apprendono, i ristoratori, i vignaioli, i frantoiani, il grafico, il tecnico informatico.

L’ incontro avrà come tema “La città del Cibo di Novoli nell’Unione dei Comuni del Nord Salento”.  Ad introdurre la discussione sarà il presidente de I Binari della Tradizione, Antonio Soleti, a seguire i saluti del Sindaco di Novoli Gianmaria Greco e di Giuseppe Taurino, Presidente dell’Unione dei Comuni del Nord Salento.

Sul tema del “sistema di rete e le relazioni intercomunali” discuteranno Benedetta di Donato con una relazione su “pianificazione agricola e territoriale: geografie, attori ed esperienze” e Aura Cavallo con un intervento su “agricoltura, inclusione ed economia circolare per l’innovazione territoriale”, entrambe per Città del Vino. Le conclusioni saranno affidate a Giovanni De Luca, consigliere dell’Unione dei Comuni del Nord Salento e ideatore del progetto I Binari della Tradizione”.

giovanni de luca

 

“Il Comune di Novoli – afferma De Luca – è il capofila di questo ambizioso progetto che ho avuto il piacere di ideare e che mira a mettere intorno a questa visione gli attori principali del territorio, per autoderminare democrazia dal basso con processi partecipativi e progettuali, motivo per il quale l’idea  è stata considerata innovazione ed ha vinto il recente bando UIA – sui nuovi modelli amministrativi e sistemi di rete destinati a cambiare il corso delle cose. Naturalmente l’idea non vince se non attecchisce su un comune sentire e su altre visioni comuni. Ne parliamo domani in piazza”.La conferenza si svolgerà in Piazza Regina Margherita, alle ore 19:30 luogo tradizionale d’incontro, sullo spazio antistante l’Ostello della Gioventù.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.