TRASPORTI Cambiamo

0
245

“L’Italia non finisce a Bari, anche noi leccesi e salentini paghiamo le tasse” e scrive a Salvemini, annunciando azioni di protesta

 Continua il comportamento discriminatorio del Governo verso il Salento. Se si parla di Trasporti e Infrastrutture, non si parla di Lecce, Salento sempre escluso, l’Italia si ferma a Bari.

Apprendiamo oggi dagli organi di stampa che dal 28 marzo prossimo si potrà andare con un treno diretto  Intercity da Bari a Napoli e viceversa in 3 ore e mezza. Ci saranno due coppie di collegamenti al giorno per sfidare gli autobus. Apprendiamo pure che questo successo è frutto del pressing che  il sindaco di Bari Antonio Decaro ha fatto sul ministro De Micheli.

Tutto ciò è inaccettabile, l’Italia non finisce a Bari, anche noi leccesi e salentini paghiamo le tasse. Ho inviato una nota al sindaco Salvemini invitandolo a puntare i piedi. Questi treni per Napoli devono partire da Lecce, tanto più che a Foggia ritengono di gran lunga più conveniente il percorso per Napoli su gomma. Se nulla dovesse muoversi , Cambiamo nei prossimi giorni organizzerà azioni di protesta pubbliche

 Wojtek Pnkiewicz                                                                               Coordinatore Cittadino di Cambiamo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.