Trasportava 170 esemplari di ricci di mare: prodotto sequestrato e 2000 euro di sanzione amministrativa

0
185

Prosegue l’attività di contrasto alla pesca illegale degli uomini della Guardia costiera dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto.

Il personale della Delegazione di spiaggia di San Foca di Melendugno congiuntamente al personale dell’Ufficio Locale Marittimo di San Cataldo, a termine di dedicati appostamenti svolti alle prime luci dell’alba hanno sequestrato a carico di un venditore abusivo 170 ricci di mare illecitamente detenuti durante il periodo del fermo biologico e con tutta probabilità destinati al mercato nero.

Nello specifico a termine di dedicati appostamenti nelle marine di competenza, presso il Comune di Melendugno, i militari hanno provveduto a sottoporre a controllo ed ispezione un autoveicolo, a bordo del quale sono stati rinvenuti 170 esemplari ancora viventi di ricci di mare.

Immediatamente è scattato il sequestro ed a carico del trasgressore è stato elevato una sanzione amministrativa pari a 2000 euro per detenzione di esemplari di echinodermi in periodo vietato.

Il prodotto, ancora vivente, è stato prontamente restituito al mare a mezzo impiego della dipendente Motovedetta che ha reimmesso nel relativo habitat naturale gli esemplari sequestrati.

Negli ultimi giorni, sia a mare che a terra lungo l’intera costa di giurisdizione, le attività si sono concentrate anche sugli esercenti commerciali destinati alla ristorazione.

Proprio di recente sono stati sequestrati oltre tre chili di polpa di riccio in quanto privi di tracciabilità.

A riguardo si evidenzia che dal 1 maggio al 30 giugno qualsiasi forma di pesca del riccio di mare (echinodermi) è assolutamente vietata al fine di garantire la corretta riproduzione di una specie sempre più oggetto di eccessivo prelievo a cura di pescatori professionali ovvero sportivi.

A tal proposito, si comunica che i controlli in mare e sul litorale sono stati intensificati al fine della conservazione delle risorse ittiche con particolare riferimento alle specie maggiormente soggette a depauperamento.

Si invitano pertanto i pescatori sportivi e professionali al rispetto della normativa nazionale circa il divieto della pesca del RICCIO DI MARE al fine di preservare il ripopolamento della stessa durante l’intero periodo di riproduzione degli echinodermi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.