StudioinPugliaPerchè

0
192

Premiati a Lecce i vincitori della seconda edizione

I NUMERI DEI VINCITORI DEL PREMIO GIOVANI ECCELLENZE PUGLIESI

Premiati  a Lecce i 300 vincitori della seconda edizione del Premio istituito dall’Assessorato regionale all’Istruzione e organizzato da ARTI

 L’orgoglio negli occhi delle mamme, dei papà, dei nonni che in tantissimi sono venuti a vedere premiato il merito dei loro ragazzi dà soddisfazione ai nostri eccellenti giovani ed è motivo di ulteriore stimolo a incoraggiare e riconoscere il merito. L’emozione e il sorriso dei premiati ci dice che la loro/nostra speranza nel futuro passa dal merito e dalle competenze. Una partecipazione folta alle Officine Cantelmo a Lecce, dove si è svolta la seconda edizione del Premio Giovani Eccellenze Pugliesi #studioinpugliaperché. Ho premiato trecento giovani eccellenze pugliesi che hanno deciso di studiare in Puglia. Abbiamo voluto gratificare quelle studentesse e quegli studenti che hanno ben saputo rappresentare le motivazioni della scelta di studiare in Puglia dopo il diploma e la laurea triennale, ma la loro decisione dà – al tempo stesso – un bollino di qualità alle Università, Accademie di Belle Arti e Conservatori di musica pugliesi. Studiare in Puglia è la diretta conseguenza della qualità dell’offerta formativa pugliese, post diploma. Non mi stancherò mai di dirlo: il sistema di istruzione e formazione pugliese è di eccellenza non a caso i nostri laureati sono accolti a braccia aperte in altre realtà, anche all’estero”. Sono state queste le parole con cui l’Assessore all’Istruzione Sebastiano Leo ha concluso la cerimonia di premiazione delle 300 giovani eccellenze pugliesi, vincitrici della seconda edizione del Premio Giovani Eccellenze Pugliesi #studioinpugliaperché.

Istituito dall’Assessorato regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro e organizzato da ARTI, #studioinpugliaperché punta a mettere in evidenza le motivazioni per cui uno studente sceglie di proseguire gli studi in Puglia. Un premio che serve anche a raccontare la qualità degli atenei e degli istituti di alta formazione pugliesi, incentivando i ragazzi a scegliere la Puglia come luogo del futuro.

Questa seconda edizione presentava una importante novità relativa alla platea dei destinatari dell’iniziativa. Infatti, sono stati chiamati a raccolta da un lato, come lo scorso anno, i diplomati nell’anno scolastico 2017/2018 iscritti al primo anno di Università, ITS e Istituti di Alta Formazione Artistica, Musicale e coreutica (Accademie di Belle Arti, Conservatori di musica) con sede in Puglia; dall’altro, e questa è la novità, i laureati triennali e i diplomati accademici di I livello che hanno conseguito il titolo negli ultimi due anni accademici e che hanno scelto Università, Accademie di Belle Arti e Conservatori di musica pugliesi, iscrivendosi al primo anno di una laurea magistrale o di un diploma accademico di II livello.

A tutti loro è stato richiesto di raccontare perché hanno deciso di proseguire gli studi in Puglia, attraverso un video, una foto o un tweet, un racconto o una poesia.

Allo scadere della deadline del concorso, il 31 gennaio, sono giunte 393 candidature, di cui 251 di diplomati e 142 di laureati triennali, provenienti da quasi tutti gli istituti di alta formazione pugliesi. Nello specifico, i diplomati hanno scelto: Università degli studi di Bari Aldo Moro (105), Università del Salento (62), Politecnico di Bari (47), Università degli studi di Foggia (31), Accademia di Belle Arti di Foggia (1), ITS Cuccovillo (1), ITS Aerospazio (1), Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo (1), Istituto di Alti Studi SSML San Domenico (1), Accademia di Belle Arti di Bari (1). Gli istituti di alta formazione più rappresentati nella categoria dei laureati, invece, sono: Università degli studi di Bari Aldo Moro (44), Università del Salento (33), Politecnico di Bari (32), Università degli studi di Foggia (17),  LUM Jean Monnet (4), Conservatorio di Foggia Umberto Giordano (3), Istituto musicale Giovanni Paisiello di Taranto (3), Accademia di Belle Arti di Foggia (1), Accademia di Belle Arti di Bari (1), Accademia di Belle Arti di Lecce (1), Conservatorio di Lecce Tito Schipa (1), Conservatorio di Monopoli Nino Rota (1), Università teologica pugliese (1).

La categoria più gettonata sia per i diplomati sia per i laureati è stata produzione letteraria, con ben 144 candidature tra i diplomati e 89 tra i laureati, seguita dalla categoria social con 74 proposte tra i diplomati e 34 tra i laureati. In coda la categoria video con 33 candidature tra i diplomati e 19 tra i laureati.

I migliori elaborati sono stati selezionati sulla base dell’originalità del contenuto, della creatività e della coerenza con le finalità del premio, attraverso la valutazione effettuata da una giuria di esperti e una fase di voto online aperta a tutti. A guidare la classifica del numero dei vincitori diplomati, l’Università degli Studi di Bari con 73 vincitori, seguita dall’Università del Salento con 40, il Politecnico di Bari con 28, l’Università di Foggia con 20 e l’Accademia di Belle Arti di Bari con 2. A seguire, l’Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo, l’ITS Cuccovillo, l’Istituto di Alti Studi SSML San Domenico e l’ITS Aerospazio con un vincitore ciascuno.

Simile la situazione anche sul fronte dei laureati, dove a guidare la classifica del numero dei vincitori c’è l’Università degli Studi di Bari con 37 vincitori, seguita dall’Università del Salento con 33, il Politecnico di Bari con 32, l’Università di Foggia con 16, la LUM Jean Monnet con 4, l’Istituto musicale Giovanni Paisiello di Taranto con 3 e il Conservatorio di Foggia Umberto Giordano con 2. A seguire, l’Accademia di Belle Arti di Lecce, l’Accademia di Belle Arti di Bari, l’Accademia di Belle Arti di Foggia il Conservatorio di Monopoli Nino Rota, il Conservatorio di Lecce Tito Schipa con un vincitore ciascuno.

Sono sei, tre per i diplomati e tre per i laureati, i vincitori assoluti della seconda edizione del Premio Giovani Eccellenze Pugliesi #studioinpugliaperché. Per quanto riguarda i diplomati, nella categoria video il primo posto è andato a Domenico Pedone del Politecnico di Bari; nella categoria social si piazza al primo posto Maria Rita Mancino dell’Università del Salento e per la categoria produzione letteraria si aggiudica il primo posto Giorgia Carriero dell’Università di Bari. Sul fronte dei laureati, invece, al primo posto della categoria video troviamo Domenico Pedone del Conservatorio Umberto Giordano di Foggia; il primo posto della categoria social va a Katia Mastrapasqua della LUM Jean Monnet e, infine, per la categoria produzione letteraria il premio assoluto va a Pierluigi Mariano Mantova dell’Università di Foggia. Tutti loro si sono aggiudicati un premio pari a 2.000 euro, mentre gli altri vincitori categoria (294 in tutto) hanno ricevuto un premio da 500 euro, per un montepremi dal valore complessivo di 159mila euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.