Sondaggi politici

0
74

La Lega riprende quota, gli italiani bocciano il governo M5s-Pd

Ora che il Conte 2 è ufficialmente in carica, e tutti i 21 ministri e i sottosegretari al lavoro, si scatenano i sondaggisti a suon di numeri e percentuali. I dati resi noti nelle ultime ore non sorridono al governo formato da Partito Democratico e 5Stelle: gli italiani si mostrano alquanto scettici nei confronti del nuovo esecutivo giallo-rosso e della sua durata. Bene, invece, il premier Giuseppe Conte, che sale nel gradimento, ma è Matteo Salvini (con la Lega) a recuperare terreno e consensi.

Il sondaggio  Dopo settimane di perdita dei consensi, il partito di Matteo Salvini torna a crescere e si avvicina nuovamente al 35%. Lo ha annunciato il sondaggio effettuato, mostrando, dunque, un cambio di tendenza rispetto a quanto evidenziato negli ultimi giorni. Il Carroccio raggiunge il 34,9%, staccando nettamente tutti gli altri partiti. Dietro troviamo il Partito Democratico al 23%, mentre il Movimento 5 Stelle non riesce a superare la soglia del 20%, fermandosi al 19,8%.

Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni sale al 7,9%, mentre Forza Italia presenta uno scarso 5,1% (consensi in calo dovuti probabilmente anche alla nascita di Cambiamo di Giovanni Toti, che si ferma allo 0,6%). Nel centrosinistra, invece, viene sondato per la prima volta il partito Siamo europei di Carlo Calenda: non va oltre l’1,8%. I Verdi e la Sinistra restano fermi all’1,7%, mentre chi perde più voti a favore del partito di Calenda sembra essere +Europa (1,2%).

Per quanto riguarda la fiducia degli italiani nei confronti del nuovo esecutivo guidato da Conte, solo il 39% degli elettori vede di buon occhio il governo Pd-M5s: molta fiducia per il 10,8%, abbastanza per il 28,2%, nessuna fiducia per il 46,4% degli intervistati, poca fiducia, infine, dal 13,5%. Anche sulla durata del governo gli elettori sembrano avere seri dubbi: solo il 18,9% pensa che l’esecutivo arriverà fino alla fine della legislatura. Il 24,1%, invece, ritiene che cadrà entro un anno. Ancora, il 13,1% sostiene che l’esecutivo non arriverà a Natale e solo il 9,7% pensa che il Conte 2 non arriverà al 2022 ma durerà comunque più di un anno. Infine, il 20,8% pensa che questa maggioranza riuscirà a eleggere il nuovo capo dello Stato nel 2022.

I risultati del sondaggio realizzato dall’istituto Tecné, in collaborazione con l’agenzia Dire, sembrano essere in linea con i dati forniti da altre ricerche degli ultimi giorni: la Lega è indicata infatti come il partito che ha guadagnato più voti tra il 5 e il 12 settembre 2019, crescendo dello 0,6%. Il Carroccio è il primo partito con il 31,3%. In calo, invece, i due partiti principali della maggioranza: il Pd perde lo 0,8% e scende al 23,6%; il M5s cede invece lo 0,6% e si ferma al 21,1%.

Chi guadagna, secondo Tecné, sono invece i partiti di centrodestra: Forza Italia sale all’8,1% (+0,2% per il partito di Silvio Berlusconi) e Fratelli d’Italia al 7,3% (+0,3% per quello di Giorgia Meloni). Nel centrosinistra, invece, sono in calo sia +Europa (al 2,3%) che i Verdi (1,3%). Al contrario, chi cresce, pur rimanendo al di sotto della soglia di sbarramento del 3%, è La Sinistra con il 2,1%.

Pagnoncelli (Ipsos): la Lega cresce, l’esecutivo non convince

Nando Pagnoncelli di Ipsos Italia ha illustrato, sulle pagine del Corriere della Sera, il suo nuovo sondaggio sulla percezione degli italiani della politica italiana. I numeri riportati evidenziano un balzo del premier Giuseppe Conte (al 57%, + 5%) mentre il governo da lui guidato, frutto dell’accordo Pd-5Stelle, convince solo il 43% degli intervistati. Matteo Salvini, dopo il forte calo di agosto, in piena crisi di governo, recupera ora ben 4 punti percentuali.

Sondaggio di Nando Pagnoncelli (Corriere della Sera)

Nando Pagnoncelli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.