SENATO ACCADEMICO DEL 19 MAGGIO 2015 NOTA DEL RETTORE VINCENZO ZARA

0
365

Di seguito alcune informazioni sulla seduta del Senato Accademico del 19 maggio 2015, rese dal Rettore dell’Università del Salento Vincenzo Zara.

vincenzo zara

Il Rettore ha informato il Senato Accademico dei contenuti della bozza del Decreto ministeriale riguardante la ripartizione dell’FFO (Fondo di Finanziamento Ordinario) 2015. Gli aspetti più rilevanti riguardano:
 l’anticipo dei tempi della distribuzione delle risorse (probabilmente giugno invece che dicembre);
 una leggera riduzione consistente in 30 milioni di euro sull’importo totale di circa 7 miliardi di euro;
una gradualità nell’applicazione del “costo standard”, che sarà applicato al 25% invece che al 40% come inizialmente previsto (ciò è vantaggioso per l’Università del Salento, che ha subito negli ultimi anni un calo significativo del numero di studenti);
una perdita massima del 2% rispetto all’importo dell’anno precedente (ciò è vantaggioso per l’Università del Salento perché si evitano possibili tagli non sostenibili dal bilancio d’Ateneo);
il passaggio della quota premiale dal 18% al 20% del totale dell’FFO.
La CRUI ha espresso un parere complessivamente favorevole alla bozza, ma ha chiesto maggiori risorse per il sistema universitario, che la quota premiale venga considerata additiva invece che inclusa nell’FFO, 100 milioni di euro per il “Piano Giovani Ricercatori” e infine il ripristino delle dinamiche salariali dei docenti universitari bloccate da ormai cinque anni.
È stata apportata una modifica al Regolamento di funzionamento del Sistema Museale di Ateneo, prevedendo che il personale tecnico faccia parte del comitato tecnico-scientifico (costituito dal Presidente e dai Direttori dei Musei), con funzioni consultive e di supporto.
È stato deciso di ripartire 48 assegni di tutorato di durata semestrale per un impegno orario di 200 ore (pari a duemila euro per assegno), destinandone 24 al Cort – Centro orientamento e tutorato, e 24 ai Dipartimenti in relazione al numero dei corsi di studio a essi afferenti e al numero degli studenti iscritti.
La specifica Commissione nominata dal Senato Accademico ha affrontato le problematiche degli studenti fuori corso iscritti ai corsi di studio del “vecchissimo ordinamento” (ante DM 509/99), del “vecchio ordinamento” (DM 509/99), e del “nuovo ordinamento” (DM 270/04). Da questa analisi è emersa l’estrema complessità delle situazioni e la conseguente esigenza di diversificazione delle azioni connesse al “recupero” di queste carriere. Tra le azioni proposte vi è, per esempio, il contatto diretto da parte della struttura didattica con gli stessi studenti al fine di risolvere eventuali criticità stratificatesi nel tempo, la possibilità di attivare forme di didattica complementare in modalità e-learning, la previsione di forme di ricevimento dedicate (almeno un giorno a settimana) e la tutorship online. Si è proposto di avviare queste azioni a livello sperimentale per i corsi di studio afferenti alla facoltà di Scienze della Formazione, Scienze Politiche e Sociali e alla Facoltà di Lettere e Filosofia, Lingue e Beni Culturali, nonché di esplorare presso le altre Facoltà la possibilità di avvio di azioni similari.
Il professor Giuseppe Gioffredi, referente del Rettore per il Diritto allo studio, è stato designato docente rappresentante di UniSalento in seno al consiglio di amministrazione dell’Adisu Puglia.
Il dottor Giuseppe Gravili è stato designato rappresentante del personale tecnico-amministrativo in seno al consiglio della Scuola superiore ISUFI per la durata di quattro anni.
 A partire da questo report, i punti all’ordine del giorno per i quali al Senato Accademico è richiesto solo un parere, o per i quali il Senato Accademico formula solo una proposta, non saranno trattati. Gli stessi saranno comunicati dopo la delibera definitiva da parte del Consiglio di Amministrazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.