SALVATORE NEGRO

0
402

CENTRI DIURNI, IL SERVIZIO NON SI FERMA – NEGRO: LA PRIORITÀ SONO I PAZIENTI

Il servizio offerto dai sei Centri diurni non si ferma e i contratti del personale saranno prorogati giusto il tempo di avviare un processo di normalizzazione del rapporto di lavoro degli operatori. È questa la soluzione-ponte, basata sulla compartecipazione finanziaria tra Regione e Piano di Zona, individuata questa mattina durante la riunione in Direzione generale Asl di Lecce, alla quale hanno partecipato l’assessore regionale alle Politiche sociali Salvatore Negro, i vertici As/Le al completo con il dg Silvana Melli, il ds Antonio Sanguedolce e il da Antonio Pastore, il consigliere regionale Paolo Pellegrino, i sindaci di Campi e Lequile, il direttore del Dsm Lecce Serafino De Giorgi e il direttore del personale Asl Domenico Morelli.

All’origine dell’incontro – ha ricordato l’assessore Negro – “i rilievi mossi dal Ministero delle Finanze e dalla Ragioneria dello Stato sulla non conformità dei contratti degli operatori rispetto alla normativa vigente”. Con la conseguenza di mettere a repentaglio non solo 23 posti di lavoro (l’ultima proroga concessa scade il 31 dicembre prossimo) ma anche la stessa continuazione del servizio che – ha precisato Negro – “è comunque a livelli ottimali ed ha al suo interno esperienze e competenze riconosciute”.

Di qui l’impegno annunciato dall’assessore regionale: “La Regione si è fatta carico del problema sin dal primo momento ed è conscia che il servizio, che riguarda oltre 120 assistiti, non può essere interrotto: la continuità assistenziale è fondamentale. Per questo, a seguito della formale e tempestiva richiesta avanzata dalla Asl, anticipo che la soluzione individuata sarà quella di una proroga a tempo, condizionata all’avvio di una procedura di normalizzazione della situazione. Lo sforzo che chiediamo ai sindaci, anche a quelli la cui assenza sono costretto a stigmatizzare, è di darci una mano”.

Del resto – ha precisato il direttore generale Melli – “è la legge che prevede in modo puntuale la compartecipazione della spesa tra gestione strettamente sanitaria e ambito sociale. Rispetto al percorso da affrontare, già dal primo gennaio prossimo, chiedo che sia un gruppo a livello regionale, con dentro anche i sindaci, a valutare le soluzioni da studiare e da realizzare concretamente. Accolgo con favore la volontà della Regione – ha aggiunto Melli – di rimettere il servizio in ordine”.

Il consigliere Paolo Pellegrino, in chiusura, ha sottolineato “la positività dell’incontro, che consente di poter superare la fase d’emergenza”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.