SALENTO BOOK FESTIVAL

0
200

La Festa dei Libri, la Movida dei Lettori

Corigliano d’Otranto, Galatina, Galatone, Gallipoli, Nardò

Dal 7 giugno al 22 luglio 2018 Libri, reading, live show, laboratori, concerti Oltre 70 tra autori e artisti pronti a presentarsi tra le bellezze del barocco leccese a pochi passi dal mare “Un tuffo tra le pagine”

A CORIGLIANO D’OTRANTO IL 30 GIUGNO CATERINA CHINNICI DOMENICA 1 LUGLIO a GALATONE “TRAPULE” di e con MINO DE SANTIS e FABRIZIO SACCOMANNO.

L’ultimo appuntamento del mese di giugno del Salento Book Festival vede i riflettori accesi prima sull’imponenza della storia da non dimenticare. Sabato 30 giugno a CORIGLIANO D’OTRANTO, in piazza Vittime di Mafia, nei pressi del Castello, alle 20.30, CATERINA CHINNICI presenta il libro “E’ COSÌ LIEVE IL TUO BACIO SULLA FRONTE” (Mondadori), dedicato al Rocco Chinnici, il giudice ucciso da Cosa nostra nel 1983, che ha rivoluzionato la lotta alle mafie. Il 29 luglio 1983 la mafia fa esplodere un’autobomba in via Pipitone Federico a Palermo: muoiono il giudice Rocco Chinnici, gli uomini della sua scorta e il portiere dello stabile dove il magistrato viveva insieme alla moglie e ai figli. Rocco Chinnici era da tempo nel mirino. Innovatore e precursore dei tempi, aveva intuito che, per contrastare efficacemente il fenomeno mafioso, era necessario riunire differenti filoni di indagine, comporre tutte le informazioni e le conoscenze che ne derivavano. Per farlo, riunì sotto la sua guida un gruppo di giudici istruttori: Paolo Borsellino, Giovanni Falcone e Giuseppe Di Lello. L’anno dopo la sua morte, questo gruppo prenderà il nome di “pool antimafia”. La storia ci tramanda come e perché Rocco Chinnici sia stato ucciso. Ci tramanda un eroe. A lui però non sarebbe piaciuto essere chiamato così. Era prima di tutto un uomo, un padre, cui è toccata in sorte una vita straordinaria, o forse un destino, che lui ha scelto di assecondare fino alle estreme conseguenze. Dopo decenni di silenzio, Caterina Chinnici, la figlia primogenita – a sua volta giudice, a sua volta impegnata nella lotta alla mafia, a sua volta sotto scorta – sceglie di raccontare la loro vita “di prima”, serena nonostante le difficoltà, e la loro vita “dopo”. Sceglie di raccontare come lei, i suoi fratelli e la madre abbiano imparato nuovamente a vivere e siano riusciti a decidere di perdonare: l’unico modo per sentirsi degni del messaggio altissimo di un padre e un marito molto amato…

Incontra l’autrice LARA NAPOLI.

Il primo luglio a GALATONE, con una serata dedicata al teatro ed in particolare alle storie salentine interpretate dal cantautore MINO DE SANTIS e dall’autore e attore FABRIZIO SACCOMANNO in “TRAPULE”. “Siamo nati e cresciuti nelle stesse vie di un paese del Salento – dice Saccomanno.
 Negli anni abbiamo cercato di raccontare e fare testimonianza del mondo che ci circondava.
Io con il mio corpo teatrale, Mino imbracciando una chitarra. Inconsapevoli stavamo dipingendo con colori accesi il nostro sud, quello che ognuno si porta nel cuore, quel poco che ne resta.
Forse era inevitabile che i canti di Mino ed i miei cunti dovessero incontrarsi.
Questo incontro lo abbiamo chiamato “trapule”.
Attraverso la musica il canto la parola raccontiamo di un sud di cielo e terra, di uomini e donne memorabili loro malgrado, con ironia e disincanto,
non senza uno sguardo sarcastico sulle miserie della nostra contemporaneità”.

Appuntamento con “TRAPULE” di e con MINO DE SANTIS e FABRIZIO SACCOMANNO, nell’Atrio del Palazzo Marchesale di Galatone alle ore 20.30.

Il Salento Book Festival, che continua fino al 22 luglio, si conferma La Festa dei Libri, la Movida dei Lettori e dunque una solida piattaforma da cui tuffarsi in un mare di storie.

Ogni anno, la manifestazione, organizzata come sempre dall’associazione culturale Festival Nazionale del Libro, presieduta dall’ideatore della manifestazione, Gianpiero Pisanello, ospita gli scrittori delle più importanti case editrici nazionali, ma anche personalità del mondo dello spettacolo, della cultura, dell’arte, della musica, dello sport e della comunicazione.

 Oltre alle presentazioni dei libri, il programma si arricchisce con concerti, reading, live show, laboratori di lettura e iniziative legate al mondo dei libri dedicate ai bambini e ragazzi.

 Il libro come occasione di incontro e confronto, nelle piazze, sui sagrati delle chiese, tra le strade e i vicoli. Il successo di pubblico ottenuto negli ultimi sette anni dal Festival Nazionale del Libro conferma che il segmento cultura non sia semplicemente un’altra chance per creare appeal in una terra di per sé attrattiva, piuttosto un investimento logico e quasi scontato per una comunità che non deve dimenticare la ricchezza che un libro può contenere e la semplice bellezza di una storia tra le pagine.

La rassegna itinerante fa tappa quest’anno in cinque centri del territorio salentino confinanti, tutti ricchi di storia e tradizione, che in questo caso accolgono autori e pubblico in luoghi di pregio, simbolo della propria comunità. Piazze, castelli, sagrati, vicoli e corti che diventano teatro di libri, su scenografie di pietra leccese e carparo o di azzurro mare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.