Salento a tutto gas: si riaffaccia il progetto del gasdotto di Otranto

0
406

Salento a tutto gas: si riaffaccia il progetto del gasdotto di Otranto

Non solo Tap: anni prima della comparsa del progetto che punta a portare in Europa il metano dell’ Azerbaijan, le coste salentine erano già destinate a diventare approdo di un altro gasdotto che parte dalla Grecia e arriva a Otranto. Poseidon ha concluso l’iter autorizzativo, per quanto riguarda la parte italiana nel lontano 2011 ed è in attesa di ricevere gli ultimi nulla osta in Grecia. Nel 2015 è stato incluso nei progetti di interesse comunitario dall’Unione Europea che ha previsto un finanziamento di 9 milioni di euro.

Di fatto, al momento Poseidon è un progetto “congelato”: la comparsa di Tap ha fatto pendere la bilancia degli interessi, economici e comunitari, sul gas azero. Ma qualcosa potrebbe cambiare.

E’ di ieri la notizia dell’incontro a Tel Aviv tra il ministro per lo sviluppo economico italiano Carlo Calenda e i colleghi di Israele, Yuval Steinitz, di Grecia, Giorgos Stathakis, di Cipro, Yiorgos Lakkotrypis e il commissario Ue all’energia Miguel Arias Canete.

Al centro del colloquio il tema dell’energia e in particolare l’appoggio al gasdotto EastMed: 1.300 chilometri offshore e altri 600 onshore che entro il 2025, porterà il gas da Israele all’Italia attraverso Cipro e Grecia.

Ed è qui che si riaffaccia il progetto del gasdotto di Otranto: Eastmed è, infatti, uno dei tre progetti di Igi Poseidon, joint venture composta dalla italiana Edison e la greca Depa.

Dalla cartina ufficiale di Igi Poseidon si comprende bene che, nelle intenzioni, si tratta di un unico grande gasdotto: EastMed parte dal mare di Israele, arriva in Grecia e qui si allaccia a Poseidon che prosegue fino ad arrivare nel Salento.
Calenda ha affermato che EastMed, è un progetto “strategico” per l’Italia e sarà presentato ai ministri del G7 energia a Roma, il 9 e 10 aprile prossimi, come “fondamentale asse di sviluppo della strategia energetica complessiva del Mediterraneo”. In questo quadro anche la parte italiana, e salentina in particolare, sembra dunque chiamata a giocare il proprio ruolo a breve. Fra qualche giorno si comprenderà meglio cosa comporterà: la “battaglia del gas” potrebbe aprire un nuovo fronte sulle sponde dell’Adriatico.   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.