RIPRENDIAMOCI IL DIVERTIMENTO

0
332

ARRIVA A MAGLIE LA CAMPAGNA NAZIONALE DI PREVENZIONE ANTI-SBALLO

Divertirsi si può ma senza mettere a rischio la propria salute e la vita degli altri.

Si è svolta a Bari, nella sala stampa della Presidenza della Regione Puglia, la conferenza stampa di presentazione del progetto “Riprendiamoci il divertimento”. Una campagna di prevenzione e educazione creata dall’associazione dei Giovani Professionisti italiani e finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Sono intervenuti:Giovanni Giannini: Assessore regionale ai Trasporti e Lavori Pubblici – Reti e Infrastrutture per la mobilità;

Luigi Bartone: Presidente Associazione Giovani Professionisti Italiani;

felice castrignano conferenza stampa bari

Felice Castrignanó: responsabile del progetto “Riprendiamoci il Divertimento”;

Emanuele Caroppo: Direttore del Centro di Ricerca Universitario HEalth human caRe and social intercultural Assessments – HE.R.A. dell’Università Cattolica del Sacro Cuore;

Cinque sono state le serate organizzate in cinque famose discoteche d’Italia da nord a sud – Padova, Milano, Torino, Roma e come tappa finale MAGLIE in provincia di Lecce, nel cuore del Salento.

Obiettivo di questa iniziativa è puntare sugli stili di vita e rendere i giovani protagonisti consapevoli delle scelte di comportamento. L’equazione divertimento = sballo è un falso convincimento, dettato più da mode e conformismi che dalla ricerca di un autentico star bene con gli altri.

Parte così la sfida e la campagna contro l’abuso di alcol che ha iniziato il suo tour nelle maggiori discoteche italiane, sinonimo per qualcuno, di luogo dove l’eccesso è la norma.

Con grande entusiasmo, i gestori delle discoteche, hanno accolto l’iniziativa aprendo le loro porte a questa campagna chiamata appunto “Notti Sfrenate”.  Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i giovani in discoteca ci arrivano già alticci ed è necessario renderli consapevoli. Ma come si fa a parlare ad un target particolare che ha tutto il diritto di divertirsi il sabato sera?

A questo pensano gli angeli della notte, le nostre PR invitando i ragazzi a compiere il percorso “ebbrezza”, percorso costruito ad hoc per creare in loro un senso incisivo di responsabilità e sensibilizzazione nell’abuso di alcol ” spiega Luigi Bartone presidente dell’Associazione Giovani Professionisti italiani, un’associazione che cura lo sviluppo socio-culturale dei giovani.

Abbiamo creato un percorso particolare in ogni discoteca che ci ha ospitato e grazie a degli occhiali speciali che simulano lo stato di ebrezza di chi ha alzato il gomito, i ragazzi possono comprendere quanto i loro sensi siano appannati a causa di un possibile eccesso di alcol. La scelta dell’ultima tappa ricade sul Salento e quindi in Puglia perché sta diventando meta turistica del divertimento e abbiamo cercato di puntare su una comunicazione che arrivi dritta ai giovani, parlando esattamente il loro linguaggio. Obiettivo delle serate della campagna educativa è d’intervenire sulla percezione dello stile di vita da parte dei giovani” continua il responsabile del progetto Felice Castrignanó.

 “La ricerca dello sballo – ossia la perdita di controllo – mette notevolmente a rischio la vita di tanti giovani che dopo aver bevuto troppo, decidono poi di mettersi alla guida della propria auto” spiegano ancora gli organizzatori della campagna.

“Abbiamo accolto con piacere questo progetto perché dà la possibilità di costruire nella mente dei ragazzi, una cultura che li preservi dai rischi dell’utilizzo e abuso dell’alcol. C’impegneremo a seguire e a sostenere questa campagna di sensibilizzazione con grande entusiasmo!” dichiara Giovanni Giannini, Assessore regionale ai Trasporti e Lavori Pubblici – Reti e Infrastrutture per la mobilità;

Grazie anche alla collaborazione del Direttore del Centro di Ricerca Universitario HEalth human caRe and social intercultural Assessments – HE.R.A. dell’Università Cattolica del Sacro Cuore,Emanuele Caroppo, gli animatori delle serate  faranno compilare un questionario ai ragazzi, lavorando sull’auto consapevolezza dei partecipanti per renderli coscienti dei rischi legati alla guida in stato di alterazione psico-fisica e far percepire quanto questi comportamenti siano correlati ad una condizione di felicità/infelicità.

Le serate dedicate al progetto termineranno con un buffet e un momento per riprendersi e confrontarsi, e per fare l’etilotest, offerto dagli organizzatori. Un momento per rendersi conto che l’ebbrezza di vivere non ha prezzo.

Sabato 30 aprile ultima tappa a Maglie (Le) presso la discoteca Industrie Musicali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.