Rifiuti interrati e statale 275: la provincia diffida i comuni

0
306

“Con netto stupore abbiamo appreso dalla stampa che in data odierna è stata indetta una riunione per discutere non solo della vicenda inerente all’interramento abusivo di rifiuti pericolosi, ma vi è anche l’intenzione, del tutto capziosa, di associare tale discussione ad una posizione di contrasto al raddoppio della S.S. 275.

Prendiamo le distanze m maniera netta da certe opache strumentalizzazioni, diffidando chiunque dal continuare a spendere inappropriatamente il nome dei Comuni e delle Comunità da noi rappresentate. Siamo estranei da posizioni tese a stravolgere il senso della collaborazione e della partecipazione, avendo come obiettivo quello di associare vicende del tutto slegate con l’intento di assecondare logiche di parte e posizioni estranee all’interesse comune.

Sfugge quindi quale sia l’intento di chi ha inteso acquisire il consenso alla partecipazione delle comunità, per poi curvare gli iniziali intendimenti verso ben altre volontà, che per puro caso sono espresse in un periodo di svolgimento delle campagne elettorali in diverse realtà comunali.

Per il bene delle nostre comunità, nell’interesse del Capo di Leuca e dell’intero Salento, saremo sempre in prima linea a sostegno delle forze dell’ordine e degli investigatori affinché verifichino la presenza di rifiuti pericolosi su tutto il territorio, individuino i reati commessi e perseguano i criminali responsabili.

Ci attiveremo immediatamente nei confronti delle istituzioni preposte perché si delinei un programma di bonifica di tutte le aree che risulteranno inquinate, reperendo le coperture finanziarie necessarie a dar corso ad un piano di ripristino della salute del territorio.

Saremo parte attiva e diligente in ogni azione volta alla tutela della salute delle nostre comunità, mettendo a disposizione gli apparati amministrativi, le professionalità espresse dai singoli Comuni, così come dalle Unioni dei Comuni e dagli altri enti di coordinamento di cui ogni paese è parte.

Respingiamo con forza ogni tentativo di strumentale confusione, ribadendo la posizione favorevole al raddoppio della Maglie-Leuca, così come affermata in più occasioni dalle sentenze emanate della giustizia della nostra Repubblica.

L’ interesse del territorio e delle nostre comunità sono ben più alti di piccoli calcoli che finiscono per svilire ogni buona intenzione.

Continueremo a batterci per la salute di tutti, non assecondando pulsioni faziose.”

Presidente della Provincia

Antonio Gabellone

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.