“POLITICA E/È – LA POLITICA CHE MORDE LA TERRA”: NUOVO APPUNTAMENTO GIOVEDÌ 8 MARZO

0
211

Nuovo appuntamento con “Politica e/è – La politica che morde la terra” il Seminario permanente di Storia delle dottrine politiche, Sezione Polejus, dell’Università del Salento, a cura di Marisa Forcina ed Elena Laurenzi (entrambe docenti di Storia delle dottrine politiche).

Politica e/è desiderio

giovedì 8 marzo 2018, Aula Ferrari, Palazzo Codacci Pisanelli, ore 9

Introduzioni di:

Marisa Forcina, Università del Salento

Maria Mancarella, Centro Studi Osservatorio Donna

Eleonora Pontrelli, Coordinamento Universitario Link-Lecce

Relazioni di:

Chiara Zamboni, Università degli studi di Verona: Il desiderio di politica è una valigia leggera;

Alessandro Arienzo, Università degli studi di Napoli “Federico II”: “A perpetual and restless desire of power” contro il desiderio sovrano;

Se il senso comune e la psicologia hanno pensato il desiderio come il tratto costitutivo dell’umano, teso tra realizzazione e godimento della cosa desiderata, la filosofia e la politica invece, lo hanno quasi sempre allontanato dai propri fondamenti. Dai classici greci a Spinoza, che invitavano a non ridere non piangere non detestare ma solo intelligere; a Hobbes che sosteneva che gli uomini desiderando tutti le medesime cose, a cominciare dagli onori e i riconoscimenti, inevitabilmente per questo confliggono e perciò il desiderio alimenta la paura che gli uni hanno degli altri; tutti i maggiori rappresentanti del pensiero filosofico e politico lo hanno allontanato con circospezione. Ma, tra le opposte tendenze – quella che porta a non desiderare nulla e che si manifesta come astensione del filosofo e del saggio, e quella del potere che si mostra come movimento verso qualcosa al fine di poter averla con sé e goderne, escludendone il possesso agli altri – si pone la nuova lettura delle filosofe femministe: il desiderio non è fallace, ma è intensamente relazionale, apre al mondo e insegna a stare nel mondo allargando gli orizzonti e, come dice Luisa Muraro, “sollevando il cielo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.