PIZZICA PIZZICA E DANZE POPOLARI DEL SUD ITALIA

0
427

Dopo l’inaugurazione al Castello Carlo V di Lecce le attività del progetto  Dama – Danze e musiche del Salento riprendono con un laboratorio a cura di Laura de Ronzo .

TarantaAtelier_PhotoByBarbara_Ledda_Grande_Dal 24 giugno al 29 luglio (tutti i mercoledì dalle 19 alle 20.30 ) prendono il via le attività del progetto Dama – Danze e musiche del Salento. Le sale del Castello Carlo V di Lecce ospiteranno “Pizzica Pizzica e danze popolari del Sud Italia“. Il laboratorio – a cura di Laura De Ronzo – è rivolto a tutti coloro che vogliono avvicinarsi all’affascinante e variegato mondo delle tarantelle italiane pur non avendo precedenti studi musicali o di danza. Durante le lezioni sarà approfondito lo studio delle seguenti tarantelle del sud Italia: pizzica pizzica salentina, tarantella del Gargano, tammurriate campane, tarantella calabrese.

Dama – Danze e musiche del Salento è un progetto dell’associazione Tarantarte, in collaborazione con Coolclub, con il sostegno del Comune di Lecce e con il patrocinio di Istituto Diego Carpitella e Puglia Sounds, finanziato nell’ambito del Piano Azione Coesione “Giovani no profit” dal Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, per la realizzazione di un archivio multimediale e di un laboratorio permanente sulle musiche e sulle danze popolari salentine che saranno ospitati in alcune sale del Castello Carlo V di Lecce. L’obiettivo del progetto – che durerà circa due anni e sarà coordinato da Antonio Santoro – sarà, dunque, la valorizzazione di una parte del piano terra del Castello per la gestione di servizi con finalità educative, didattiche, sociali e di attrazione turistica. Sono previste quattro linee di azione: la costituzione di un archivio multimediale della musica salentina, diretto da Vincenzo Santoro, con un’attenzione particolare al vasto movimento di folk-revival che ha caratterizzato il territorio pugliese negli ultimi anni; la realizzazione di un vasto programma di attività seminariali e di fruizione pubblica dei contenuti; la realizzazione di una scuola di danza, diretta da Maristella Martella, con seminari, corsi e master-class sulla danza dalle sue forme coreutiche tradizionali salentine fino alle più recenti esperienze di rielaborazione in chiave contemporanea; lo sviluppo di percorsi formativi sull’imprenditorialità giovanile in ambito culturale e sociale.

Le attività proseguiranno da mercoledì 29 a venerdì 31 Luglio con “Lo strumentario minore: gli oggetti sonori della tradizione popolare pugliese“. Il seminario a cura di Gianni Amati, della durata di nove ore, prevederà momenti di dibattito, proiezioni e approfondimento sulla danza della zona della Bassa Murgia. In particolare saranno presentati e analizzati alcuni tra gli “oggetti sonori” della tradizione popolare pugliese (scacciapensieri, tamburi a frizione, fischietti, trick-track e castagnole). Venerdì 31 luglio (dalle 17 alle 20) appuntamento con “Viaggio tra le danze popolari del Sud Italia“. La lezione della durata di tre ore a cura di Silvia De Ronzo condurrà gli allievi in un itinerario danzante attraverso alcuni importanti luoghi della memoria: il Salento, il promontorio del Gargano, la Campania e la provincia di Reggio Calabria. Passo dopo passo, le danze si compongono in un fluire ininterrotto e armonioso e si concludono, all’interno del cerchio, ronda, rota, nel quale il rito della comunità si compie, oggi come un tempo.  Venerdì 31 luglio (ore 21.00 ), infine, concerto con Gianni amati e li sënaturë. Un gruppo di giovani suonatori, cantatori e ballatori, nato in situazioni spontanee di feste rituali, serenate, e situazioni conviviali. Tutti i componenti provengono da Ostuni e dintorni, area tra la bassa Murgia e l’alto Salento, nella Puglia Centrale, un vero scrigno musicale. Il repertorio è composto da pizziche-pizziche, serenate e ballabili, tramandati per tradizione familiare, o apprese dai depositari della tradizione locale ed eseguiti con strumenti tradizionali.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.