PIANO TRIENNALE PER RILANCIARE IL SISTEMA SANITARIO

0
234

Un intervento di Salvatore Piconese, candidato alla Camera dei Deputati al Collegio Uninominale di Casarano-Nardò per Liberi e Uguali

“Il Mezzogiorno è scomparso dal dibattito politico e dall’agenda di Governo. Riportarlo al centro non significa rilevarne la sua esistenza, ma soprattutto monitorarne i problemi, verificarne le prospettive e cercare vie d’uscita credibili e concrete. Gli ultimi dati sulla sanità evidenziati da Cittadinanza Attiva – Tribunale per il Malato testimoniano di una situazione assai difficile che conferma l’evidente gap tuttora esistente tra Nord e Sud, un divario destinato peraltro ad allargarsi se non si interviene in maniera tempestiva ed efficace.

La nostra Regione purtroppo è fanalino di coda in diversi aspetti: a cominciare dalle strutture di oncologica medica e da radioterapia, per non parlare del numero dei Centri per l’autismo e dei Centri per l’Alzheimer e dei tempi di arrivo dei mezzi di soccorso. Insomma, ci sono ancora due Italie, una che cammina spedita e l’altra che arranca e fa fatica a vedere la luce.

Eppure basterebbe rileggere la Costituzione e dargli sostanza, a cominciare dall’articolo 117. E allora è proprio da lì che dobbiamo ripartire, dalle evidenti diseguaglianze esistenti nel Paese per assicurare a tutti l’accesso alle cure, basti pensare che dodici milioni di italiani hanno rinunciato a curarsi per gli alti costi delle prestazioni sanitarie. Occorre riorganizzare e rafforzare l’intero sistema sanitario. Liberi e Uguali intende avviare un Piano triennale di rafforzamento del personale dipendente, stabilizzando i lavoratori precari e razionalizzando collaborazioni esterne e appalti di servizi. Sarebbe un passo significativo per assicurare al Paese una sanità efficiente ed equità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.