Pedalando tra le opere d’arte nel Parco Agricolo dei Paduli.

0
457

Per la Giornata del Contemporaneo, un tour in bici per scoprire le opere d’arte installate tra le campagne del Parco Sabato 14 ottobre ore 15 San Cassiano (Lecce)

Sabato 14 ottobre, nel corso della Giornata del Contemporaneo promossa da Amaci (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani)  le associazioni LUA e Abitare i Paduli propongono un evento speciale, un tour in bici che partirà alle 15, con il quale sarà possibile visitare tutte le opere artistiche del Parco.

L’escursione, che partirà da San Cassiano (raduno presso ex scuole medie in via Apulia) porterà a visitare l’Uliveto Pubblico, con i “rifugi d’artista” e la sculturaNiodemo” realizzata dall’artista Dem e assemblata con tutti elementi trovati nel Parco. In seguito si procede a visionare le nuove opere, risultati della residenza Terra Matta, tenutasi dal 25 settembre al 1 ottobre nel Parco Paduli.

La residenza è stata costruita attraverso una call pubblica, che chiedeva agli artisti di proporre una riflessione su una criticità ambientale sempre più rilevante, costituita dalla consuetudine dell’abbandono di rifiuti di ogni sorta nelle campagne del parco.

Tra venti candidature arrivate sono stati scelti due artisti, due visioni differenti.

Il primo artista, Fabrizio Bellomo, attraverso la costruzione di un’edicola votiva in pietra leccese dedicata a S. Rocco, assemblata ed installata da Michele, tagliatore ed operaio, in un crocicchio dove su un cumulo di rifiuti si è formato un cretto, lo sversamento del  resto del cemento di una betoniera, con un atto performativo opera la mimesi di una devozione popolare, la cui radice è antica ma che è sopravvissuta lungo le strade, vestendosi di fiori di plastica e lumini perpetui, con motivazioni diverse fino ai nostri giorni.

Sagome che svaniscono e riappaiono tra le nuvole e dialogano con una pala eolica in lontananza sono invece i due Don Chisciotte, collocati ai margini di una cava abbandonata divenuta discarica nel tempo, dell’Omaggio a Bodini di Cyop e Kaf, i secondi artisti selezionati. Vittorio Bodini, ispanista e poeta salentino, nelle sue poesie descrive i paesaggi metafisici di questa terra che molto hanno in comune con i paesaggi pianeggianti, color ocra descritti nel romanzo di Cervantes, a cui lui stesso dedica una traduzione per Einaudi nel 1957.

 info e prenotazioni: +39 3775341053 o mail: servizi@parcopaduli.it

Dal 23 settembre al 1 ottobre nel Parco Agricolo dei Paduli si è tenuto il programma di eventi “La Terra Matta”, progetto che nasce dalla rilevazione del fenomeno dell’abbandono di rifiuti, che formano vere e proprie micro discariche, costituendo un forte elemento detrattore del paesaggio ed ostacolo alla fruizione a 360 gradi del Parco e dei suoi sentieri.

La persistenza di tale fenomeno ha determinato l’occasione per avviare un esperimento collaborativo che attraverso la conoscenza, il camminare, la narrazione e la pratica artistica ha l’obiettivo di costruire una riflessione collettiva intorno ad un vero e proprio atto contro il paesaggio, la sua cura e la sua fruizione.

Il progetto, a cura dell’associazione LUA, finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito di InPuglia365 – Estate, sostenuto dai Comuni dell’Unione delle Terre di Mezzo (Nociglia, Botrugno, San Cassiano, Sanarica, Giuggianello, Surano e Supersano), Abitare i Paduli, Legambiente e da UNPLI Unione Nazionale delle Pro-Loco d’Italia, si inserisce all’interno delle attività di “Creature dei Paduli” (arte, turismo responsabile e pedagogia) con l’obiettivo di riqualificare luoghi trascurati all’interno del territorio per reinserirli in un nuovo itinerario di fruizione del Parco Paduli.

Il Parco Paduli è situato al centro della penisola salentina e si estende per 5500 ha, non un “parco istituito” ma un’idea nata dal basso che ha accresciuto la consapevolezza del valore paesaggistico del territorio orientando le strategie di sviluppo urbano nei Comuni che lo delimitano. Il progetto ha motivato alcune giovani associazioni a mettere in pratica innovative attività di gestione di un bene agricolo (“Abitare i Paduli”) ed ha contribuito come “progetto pilota” alla redazione del nuovo Piano Paesaggistico della Regione Puglia. E’ stato candidato dal Ministero dei Beni Culturali a rappresentare l’Italia al Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa 2014-2015. (www.parcopaduli.it).

Nel 2016 è stato selezionato tra i 20 progetti presenti alla biennale internazionale di architettura di Venezia, Padiglione Italia “Taking Care – progettare per il bene comune”, ed è inserito nell’elenco delle buone pratiche agricole dell’Ispra, Istituto Superiore Per la Ricerca e l’Ambiente del Ministero per l’Ambiente e le attività agricole.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.