PARMA

0
223

E’ venuto a mancare il dott. Carlo Corchia

Il 14 gennaio a Parma è venuto a mancare il dott. Carlo Corchia, Presidente del Comitato Scientifico e grande sostenitore dell’ Associazione Tria Corda Onlus.

carlo-corchia

Laureato e specializzato in Clinica Pediatrica presso l’Università Cattolica del S. Cuore di Roma, il dott. Corchia ha lavorato come neonatologo all’Università di Napoli e di Sassari; fino al 2007 ha diretto l’Unità Operativa Complessa di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. È stato vice-direttore dell’International Centre on Birth Defects and Prematurity (ICBD) di Roma, centro collaborativo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità; si era occupato dell’organizzazione, della valutazione delle cure perinatali e pediatriche e di epidemiologia e prevenzione della prematurità e dei difetti congeniti dopo un periodo di formazione in statistica medica ed epidemiologia presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine. Faceva parte del direttivo nazionale dell’Associazione Culturale Pediatri ed era socio della Società Italiana di Pediatria. Numerosissimi sono le sue pubblicazioni scientifiche, molte delle quali inserite nella banca dati bibliografica internazionale PubMed.

La collaborazione con Tria Corda inizia nel febbraio 2013 con la stesura di un progetto per la realizzazione di un Ospedale Pediatrico Salentino. La sua grande esperienza e capacità hanno fin dall’inizio guidato il lavoro dell’Associazione manifestando il suo carattere unico e innovativo. Moltissime sono state le iniziative organizzate negli anni sotto la sua guida dando lustro e notorietà al progetto. Ad aprile 2014 si organizza un incontro con gli studenti dei Licei e degli Istituti Superiori di Lecce nell’ambito degli eventi del mese della prevenzione dei difetti congeniti.

A novembre 2014  il 1° Convegno realizzato da Tria Corda su ‘Bambini e assistenza pediatrica nel Salento’; ad aprile 2016 il 2° Convegno su ‘Percorsi di emergenza ed urgenza per bambini ed adolescenti’.

Gruppi di lavoro vengono organizzati ed ampliati coinvolgendo tutti i pediatri del territorio su temi come: emergenza-urgenza, diabetologia ed endocrinologia, broncopneumologia ed allergologia, oncomeatologia pediatrica ed immunologia, gastroenterologia. Si cominciano a delineare i percorsi di diagnosi e cura e le reti locali.

Oggi la comunità scientifica e la società tutta perde un illuminato professionista ed un uomo dalle straordinarie doti umane.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.