Operazione “Legalità Diffusa ad oltranza”

0
373

Continua l’operazione di legalità dalla Questua di Lecce.

Anche nella serata di ieri 20 luglio si sono svolti i servizi straordinari di controllo del territorio, predisposti dal Signor Questore della provincia di Lecce Leopoldo LARICCHIA nell’ambito dell’operazione “Legalità diffusa: ad oltranza” finalizzata al contrasto dell’immigrazione clandestina, della prostituzione e dello spaccio di sostanze stupefacenti. I servizi hanno riguardato vaste aree cittadine ed  in particolare: Piazzale Stazione, Viale Oronzo Quarta, via Martiri d’Otranto, via Don Bosco, via Reale, viale Marche, viale della Repubblica, via Libertini. Proprio in via Libertini sono stati sottoposti a controllo a amministrativo due esercizi di ristorazione per i quali si è proceduto a contestare ai sensi del codice della strada   per occupazione abusiva del suolo pubblico con il contestuale invito per entrambi presso divisione Polizia Amministrativa per approfondimenti ulteriori. Complessivamente sono state controllate 62 persone di cui 16 extracomunitari. Tra le persone controllate anche 21 con precedenti di polizia. Nell’ambito di detti servizi di controllo del territorio nell’ambito dell’operazione fu disposta nelle scorse settimane la chiusura dell’esercizio commerciale “Raimbow”, sito in via Don Bosco, destinato alla somministrazione di alimenti e bevande, avendo constatato, anche  con l’intervento di personale dell’ASL. Nel locale fu controllato ed identificato un cittadino nigeriano di 28 anni, pluripregiudicato anche per reati relativi al traffico di sostanze stupefacenti, segnalato più volte per i propri comportamenti violenti. Nella mattinata di ieri il predetto cittadino nigeriano è stato accompagnato per essere trattenuto presso il C.P.R. “Restinco” di Brindisi, in quanto già destinatario di provvedimento di espulsione, emesso dal prefetto di Lecce nell’anno 2015 e da Ordine emesso in pardi data dal Questore di Lecce, al quale non aveva mai ottemperato. Il cittadino straniero sarà poi accompagnato alla frontiera ed espulso dal territorio dello Stato. Ovviamente i servizi di controllo sulle città di Lecce e Gallipoli continueranno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.