NOTTE DELLA TARANTA

0
199

La Notte della Taranta conquista la Corea del Sud e Vienna

Straordinaria accoglienza in Corea del Sud e a Vienna per la La Notte della Taranta. Sdoppiata per la prima volta in due band distinte, l’Orchestra Popolare ha conquistato il pubblico delle Olimpiadi invernali a PyeongChang e gli ospiti del Charity Ball dell’Osce,  nel palazzo imperiale Hofburg di Vienna.

Il 23 febbraio a dividere le due formazioni di musicisti, cantanti e ballerini c’era solo il fuso orario ma ritmo ipnotico del tamburello, pizzica e ballate pop hanno, per una notte, stregato il cielo a cinque cerchi della Corea e la sala del gran ballo della principessa Sissi.

Inserito nel programma di eventi collaterali organizzati dalle istituzioni coreane per le Olimpiadi invernali, lo spettacolo di musica popolare si è svolto all’Olympic Festival Park di PyeongChang. Tre concerti sold out per i sette artisti della Taranta Alessia Tondo (cantante e tamburello), Giuseppe Grassi (mandola), Attilio Turrisi (chitarra), Carlo De Pascali (tamburello), Giuseppe Astore (violino), Lucia Scarabino (ballerina) e Stefano Campagna (ballerino). La delegazione italiana, guidata dal sindaco di Melpignano (Lecce) Ivan Stomeo, e dal direttore artistico del Festival Luigi Chiariatti, è stata accolta dall’ambasciatore italiano in Corea Marco della Seta e dalla direttrice dell’Istituto italiano di Cultura  Paola Cicolella. Il Tour dell’Orchestra ha fatto anche tappa nella nuovissima biblioteca Starfield nel Centro Coex di Seoul per un concerto a stretto contatto con il pubblico di lettori. Grande interesse anche dalla stampa estera: Arirang TV, canale satellitare che trasmette in lingua inglese, ha ospitato l’Orchestra nel programma di approfondimento culturale Heart to Heart. Alessia Tondo e Lucia Scarabino hanno raccontato la magica atmosfera del Concertone e la capacità della pizzica di creare comunità che danzano.

E la Taranta con il suo dirompente ritmo ipnotico ha fatto ballare gli ospiti del prestigioso Charity Ball dell’OSCE, appuntamento annuale serata di gala a favore della cooperazione in Europa.

L’Orchestra Popolare diretta dal maestro Daniele Durante a mezzanotte ha trasformato la sala del gran ballo di Vienna in una piazza danzante. Ministri degli esteri, ambasciatori, rappresentati del mondo economico e sociale d’Europa dopo l’elegante valzer si sono scatenati con le pizziche salentine.

In un viaggio sonoro, dal passato al presente sul battito del tamburello, simbolo della tradizione salentina, l’Orchestra della Taranta ha proposto uno spettacolo carico di energia. Sul palco del Charity Ball:  Alessandra Caiulo, Enza Pagliara e Antonio Amato (voci),  Antonio Marra (batteria), Roberto Chiga (tamburello) Stefano Rielli (basso e contrabasso), Gianluca Longo (mandola) Roberto Gemma (fisarmonica), Nico Berardi (fiati) e i ballerini Serena Pellegrino e Piero Balsamo.

L’attività della Fondazione La Notte della Taranta è stata selezionata dalla Missione Permanente d’Italia presso l’OSCE di Vienna, per la promozione dell’attività artistica a sostegno della pace nel mondo.

L’11 gennaio 2018 si è inaugurato l’anno di presidenza italiana dell’OSCE, l’organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, e l’Orchestra ha reso omaggio al multiculturalismo europeo con Kalinifta, canto in grico. Ad accogliere il Presidente della Fondazione La Notte della Taranta Massimo Manera, gli artisti guidati dal direttore artistico Daniele Durante e il presidente nazionale dell’ANMB (Associazione nazionale maestri di ballo) Pierluigi Petracca, c’era l’ambasciatore Alessandro Azzoni.  

 Massimo Manera (Presidente Fondazione La Notte della Taranta): “Abbiamo anche in questa occasione esportato l’immagine della Puglia autentica. Da vent’anni La Notte della Taranta attrae nel Salento nuovi visitatori favorendo l’incremento del turismo e della conseguente ricaduta positiva sull’’indotto economico.  Spingerci verso l’estremo Oriente è stato un preciso obiettivo della Fondazione. Intraprendere nuovi percorsi di dialogo significa dare la possibilità non solo di far conoscere la nostra terra e la nostra cultura  ma aprire un mercato nuovo. Ringrazio l’Istituto italiano di Cultura e l’Osce che hanno creduto nella qualità musicale e artistica dell’Orchestra. Oltre all’organizzazione del Festival con le sue 18 tappe e del Concertone,  lavoriamo su progetti di valorizzazione e conoscenza della cultura popolare salentina che consentano di superare ogni confine e gli straordinari risultati di Vienna e Seoul sono la conferma che la strategia intrapresa dalla Fondazione è  quella giusta”.

Ivan Stomeo (consigliere CdA Fondazione La Notte della Taranta): ”E’ stato motivo di grande orgoglio rappresentare la cultura italiana alle Olimpiadi di PyeongChang. Abbiamo registrato un interesse senza precedenti non solo da parte dei coreani ma di giornalisti, blogger e sportivi provenienti da ogni parte del mondo che grazie a questo tour dell’Orchestra oggi conosce il valore della nostra tradizione. L’attività dell’Istituto di Cultura e il gran lavoro di collaborazione con la Fondazione ha permesso di raggiungere questo importante traguardo. Ringrazio l’ambasciatore Marco della Seta che ha reso la nostra permanenza in Corea del Sud un’occasione di reale scambio culturale. Melpignano sarà ben lieta di accogliere tutte le persone che in questi giorni hanno manifestato la volontà di visitare la Puglia  e partecipare alla grande festa del Concertone il 25 agosto”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.