NESSUNA BUONA NOTIZIA DAL FRONTE GRECO

0
277

Atene rifiuta le proposte dei creditori e il rischio default è sempre più prossimo.

download (17)

La scorsa settimana si è aperta con la notizia che il Governo di Atene non pagherà nella prima decade di giugno la prevista rata del prestito concesso dal Fondo Monetario Internazionale (FMI), gettando nell’incertezza i propri creditori, i partners europei e i mercati finanziari internazionali. Se ciò non bastasse, il Ministero delle Finanze greco ha anche diffuso un comunicato ufficiale secondo cui le ultime proposte presentate dai creditori porterebbero ad un aumento della povertà e della disoccupazione. Si tratta di un colpo di scena imprevisto, dopo le pressioni USA e dei partners europei preoccupati per le ripercussioni finanziarie ed economiche di un possibile default della Grecia. Un fulmine a ciel sereno se si pensa che dopo quattro mesi di trattative, sia Atene che la Commissione europea manifestavano ottimismo per il probabile raggiungimento di un accordo soddisfacente.

Quali sono i motivi di questo improvviso stop al negoziato? Il “rifiuto” ufficiale della proposta europea da parte di Atene avrebbe avuto origine, non solo dalle divergenze con Fmi, Ue e Bce, ma soprattutto dalla crescente ostilità di parte del partito di Syriza che non accetta le soluzioni “estreme” proposte da Bruxelles e che minaccia elezioni anticipate. In questo momento, le parti sono distanti, ferme sulle proprie posizioni, anche se la Grecia vuole un accordo con i creditori e gli stessi partners europei vogliono che Atene rimanga nell’Euro. Forse occorre trovare una soluzione che scontenti entrambi i contendenti, ma non porti a situazioni di instabilità per l’intero sistema economico europeo e mondiale. Nei prossimi giorni si capirà se la trattativa continuerà o ci si dovrà preparare al default greco. Molto si discuterà sui numeri del surplus primario del bilancio ellenico dei prossimi anni, sulla previdenza, sul rialzo dell’iva e sulla riforma del lavoro in Grecia.

Carmelo Giovanni Roseto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.