Maltrattamenti in famiglia, in carcere 48enne di Sannicola

0
241

Maltrattamenti in famiglia, in carcere 48enne di Sannicola

Doppia operazione per i Carabinieri di Gallipoli nella mattinata di ieri. I militari della Stazione diSannicola, alle prime luci del mattino, hanno catturato presso la propria abitazione Cosimo Francone 48enne operaio già conosciuto dalle forze dell’ordine, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Novara lo scorso 1 Febbraio. L’uomo è ritenuto responsabile di danneggiamento e maltrattamenti in famiglia ai danni della propria ex convivente commessi in Trecate, provincia di Novara, nell’anno 2014. Condotto presso la Casa Circondariale di Lecce, dovrà scontare 2 anni e 3 mesi di reclusione.

Nella stessa giornata una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile di Gallipoli, nel corso di un più ampio servizio finalizzato al contrasto dei reati in materia di sostanze stupefacenti, ha notato la presenza sospetta di un 31enne a bordo del suo scooter. L’uomo, D.G.A., già noto per reati specifici, è stato sottoposto a perquisizione personale e veicolare ed è stato trovato in possesso di circa 50 grammi di marijuana, già suddivisa in 4 involucri di cellophane e 5 di hashish, e dovrà quindi rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

 Nella giornata di ieri i carabinieri della stazione di Racale hanno notificato un decreto di aggravamento di misura cautelare emesso dalla I° Sezione Penale del Tribunale di Lecce, nei confronti di Gianluca De Vitis. Il provvedimento scaturisce a seguito di diverse comunicazioni all’Autorità Giudiziaria da parte degli stessi militari con cui segnalavano ripetute violazioni della misura cautelare “dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria” cui l’uomo era sottoposto a seguito di un procedimento penale per illecita detenzione di un apprezzabile quantitativo di sostanza stupefacente del tipo canapa indiana. A seguito dell’arresto il 28enne è stato accompagnato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.