LIDI SAN CATALDO

0
401

DARIA VERNALEONE

In seguito All’ articolo uscito oggi sul quotidiano Daria Vernaleone interviene sottolineando che in questo modo anche chi ha ottenuto il mantenimento delle strutture dei Lidi nel periodo invernale potrebbe essere costretto a smontare perché la soprintendenza dovrà rivedere le autorizzazioni paesaggistiche rilasciate, creando quindi uno stato di agitazione e confusione tra gli imprenditori del settore.
Mi sembra che non si faccia nulla per agevolare e premiare chi continua a rimanere aperto nelle marine abbandonate garantendo un servizio di bar e ristorazione, nonostante la situazione sia davvero molto difficile.
In questo modo stanno rischiando di azzerare le attività turistiche ricreative tra Piano delle Coste, Regione, TAR e Procura senza pensare agli anni di sacrifici economici fisici e psicologici di tutti gli imprenditori che hanno investito nelle marine, si rischia così di mettere al tappeto centinaia di famiglie che vivono di questo.
Penso che sia arrivato il momento che Le associazioni di categoria chiedano un momento di confronto con regione procura e soprintendenza per chiarire veramente lo stato delle cose.

Interviene anche Adriana Poli Bortone, candidata sindaco per le Civiche Unite affermando che l’ incertezza e la scarsa chiarezza interpretativa generano uno stato di precarietà che mette oggettivamente in difficolta gli imprenditori sia sotto il profilo della programmazione sia sotto quello degli investimenti. Purtroppo soprattutto in Puglia si soffre a causa di mancanza di concertazione continua e costante con le istituzioni,che oggi più che un supporto rappresentano un vero ostacolo per le attività di impresa un ‘ economia territoriale ancora asfittica e vocata in gran parte al turismo tutto ciò è assolutamente intollerabile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.