Le città con gli occhi e i tempi delle donne

0
569

Quando sono le donne a pensare le città

Fa tappa a San Cesario, venerdì prossimo 28 giugno, Distillerie De Giorgi, con un appuntamento dedicato all’urbanistica femminista il ciclo di incontri “Città e Territori del futuro prossimo. Racconti di Architettura” promosso dall’Ordine degli Architetti PPC di Lecce, curato dai Gruppi Attività Culturali e Formazione.
Ospiti dell’incontro le architette Oihane Ruiz Menendez e Sara De Marco

Che cosa significa pensare una città, la pianificazione territoriale, l’organizzazione dei tempi e degli spazi urbani a partire dalle questioni di genere e dal punto di vista della vita delle donne?

La domanda risuonerà venerdì prossimo 28 giugno, a partire dalle 15.30 negli spazi delle Distillerie De Giorgi di San Cesario con l’incontro sul tema “L’urbanistica femminista. Teoria ed esperienze di urbanistica incentrata sulla vita in Europa”, ospiti le architette Oihane Ruiz Menendez e Sara De Marco.

L’appuntamento, nell’ambito del ciclo “Città territori del futuro prossimo. Racconti di architettura”, si aprirà con i saluti istituzionali di Rocco De Matteis, Presidente Ordine degli Architetti Lecce, e di Elisa Rizzello, assessore ai Servizi sociali e alle politiche culturali di San Cesario, cui seguirà l’introduzione curata dall’architetto Katy Tundo.

Quindi il focus sul tema con gli interventi di Oihane Ruiz Menendez e di Sara De Marco. In particolare, dopo un primo momento dedicato a “l’urbanistica incentrata sulla vita”, Oihane Ruiz Menendez illustrerà due progetti in Spagna e nei Paesi Baschi mentre  Sara De Marco, architetto al Brighton and Hove City Council, racconterà come, nel corso del progetto per la realizzazione di 57 appartamenti di edilizia popolare a Brighton,il processo partecipativo si è declinato in merito alla proposta di integrare il punto di vista delle donne.

“Le donne”, dicono le due relatrici, “non sono solo le abitanti degli spazi domestici o le responsabili del lavoro di cura. Non lo sono mai state ma alla cultura patriarcale, che si traduce ovviamente anche nel pensiero e progetto della città e nell’organizzazione degli spazi e delle funzioni, fa gioco pensarlo, in questo modo rendendo molto difficile se non impossibile l’aspirazione delle donne a sentirsi libere. L’urbanistica femminista muove da questo assunto per una rilettura e revisione dei luoghi urbani considerati e progettati, stavolta,  dal punto di vista delle donne per accogliere, pienamente, la logica del vivente”.

NOTA SULL’INCONTRO – L’Urbanistica Femminista. 

Teoria ed esperienze di urbanistica incentrata sulla vita in Europa. 

Parole chiave: Diritto alla città, pianificazione urbana, approccio femminista

La città è in permanente processo di trasformazione.

La città del secolo XXI è frutto della logica capitalista, e del fenomeno della globalizzazione degli ultimi decenni.

Il modello di città nato all’inizio del secolo XX ha indubbiamente avuto come inevitabile conseguenza il prevalere dell’aspetto produttivo della società anzichà quello riproduttivo.

Il lavoro, i trasporti, il consumo sono priorità degli sviluppi urbanistici.
Il sostegno all’ambito della vita, la cura, i rapporti tra i cittadini, la cultura urbana o, persino, la percezione di liberta’ delle donne nella vita di tutti i giorni, non sono al centro delle politiche urbane europee.

La costruzione delle città basata su logiche di accomulazione, tipiche della cultura patriarcale, ha ridotto il ruolo delle donne a quello di “abitante dello spazio domestico” e responsabile del lavoro di cura, rendendo difficile se non impossibile l’aspirazione a sentirsi libere e alla pari con il genere dominante.

Per queste ragioni, l’urbanistica femminista aspira a una revisione femminista degli spazi urbani.

Innanzitutto perché è essenziale rompere con le dualità e le gerarchie tra “maschile” e “femminile”. In secondo luogo perché l’integrazione della dimensione di genere nella pianificazione urbana consente l’attuazione di politiche per la riorganizzazione degli spazi e dei tempi di lavoro e di vita che hanno come obiettivo il benessere di tutti, cittadini e cittadine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.