Interventi chirurgici alla luce degli smartphone a Galatina

0
278

Interventi chirurgici alla luce dei telefoni cellulari a Galatina. Interviene Gorgoni che parla di «irresponsabile provocazione».

E non può essere niente di più – aggiunge Cesare Mazzotta, presidente di Salute Salento .  Anzi, stupisce che il giornalista si sia «prestato» a far credere che le sale operatorie del “Santa Caterina Novella” funzionino grazie all’utilizzo della “torcia” del cellulare.

Evidentemente qualcuno ha deciso di strumentalizzare il perdurante blackout di una delle lampade scialitiche nelle 4 sale operatorie. I chirurghi sanno benissimo che la fioca lucetta dello smartphone non può essere di alcun aiuto nel corso di un intervento. E’ stata solo un’occasione ghiotta per il giornalista che non ha voluto rinunciare al facile sensazionalismo offerto dai sanitari e che ha diffuso la notizia omettendo di sottolineare la natura «provocatoria» e di protesta della segnalazione. Anzi lasciando credere ai lettori che veramente gli interventi chirurgici vengono eseguiti alla luce dei telefonini. Speriamo che qualche paziente operato non chieda il risarcimento dei danni.

Da un sopralluogo effettuato questa mattina, invece, è emerso che al “Santa Caterina Novella” gli interventi chirurgici si svolgono alla luce delle sole scialitiche.

Bene ha fatto quindi la direzione della Asl ad intervenire con il comunicato che riportiamo:

Si fa seguito all’allarme lanciato in data odierna da un articolo del Corriere dal titolo “La lampada è rotta da quattro anni, si opera con la torcia dei telefonini” per precisare che dagli ultimi rapporti di ingegneria clinica – maggio 2015 – l’illuminazione del campo operatorio nelle tre sale dell’ospedale di Galatina risulta abbondantemente nella norma. Due delle tre sale sono dotate di scialitica fissa a soffitto e una terza sala di scialitica mobile in sostituzione di quella fissa guasta da tempo. L’illuminazione prevista dalla normativa per il campo operatorio è ricompresa tra i 10mila e i 100mila lux, valori rispettati dai controlli recenti anche dalla scialitica mobile che, fra l’altro, è certificata dal costruttore per 105mila lux; e in ogni caso è già in aggiudicazione una nuova lampada fissa.

Un sopralluogo condotto in giornata dalla stessa Direzione aziendale ha permesso di appurare che gli interventi chirurgici si svolgono alla luce delle sole scialitiche.

«La sicurezza delle sale operatorie è un argomento particolarmente a cuore della direzione – dice Giovanni Gorgoni, direttore generale della Asl Lecce – e ai primi di agosto ho disposto una verifica straordinaria di tutte le sale operatorie dell’Azienda (oltre 40), alle cui prime risultanze  abbiamo già dato seguito con gli interventi risolutivi qualunque fosse l’importo economico. La stessa sostituzione della lampada fissa in questione è stata recentemente da noi autorizzata nello stesso momento in cui ci è stata segnalata la criticità.

Quello che invece mi preoccupa e su cui ho chiesto una inchiesta rapida è la presenza di telefonini in sala operatoria ma soprattutto la riportata consuetudine di condurre interventi chirurgici con la luce dei cellulari, tanto più che l’ospedale dispone di altre due sale sottoutilizzate. Legge e deontologia professionale esigono che l’intervento chirurgico neanche inizi se qualunque operatore ravvisi o sospetti che il paziente non sia in sicurezza, anche contro i rapporti ufficiali. Andremo a fondo ma vorrei sperare che si sia trattato di una irresponsabile provocazione».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.