Intersezioni nel Salento

0
189

Workshop Borgo antico nell’isola di Gallipoli 18-23 novembre 2019

 Seconda edizione di Intersezioni nel Salento, in programma a Gallipoli dal 18 al 23 novembre 2019,  con quartier generale all’Hotel Bellavista Club Caroli Hotels.

L’idea, fortemente voluta dalla direzione alberghiera e coordinata dall’architetto Vincenzo Vallone, è quella di un workshop dedicato agli studenti di architettura ed ai giovani architetti per apportare un contributo alla rigenerazione e fruizione del centro storico della città bella: dall’eliminazione delle superfetazioni al recupero delle decorazioni, degli intarsi, delle incisioni, dalla protezione  delle pietre ai lavori in ferro battuto nel quadro cromatico generale. Tutte azioni volte a potenziare ed a concretizzare la bellezza esistente, sopra e sotto l’isola del borgo antico.

La partecipazione all’evento è stata riservata a 28 giovani architetti provenienti da tutta Italia.

Intersezioni nel Salento ha ottenuto il patrocinio di: Città di Gallipoli, Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori, Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Benevento, Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Lecce

Intersezioni nel Salento Workshop Borgo antico dell’isola di Gallipoli 18 – 23 novembre 2019

Coordinatore Arch. Vincenzo Vallone 

Workshop sul centro storico di Gallipoli, Residenza per giovani architetti e laureandi in Architettura, designers, artigiani, fotografi e studenti dell’Accademia di belle arti.

Gruppo di lavoro, laboratorio di idee o insieme di idee, di concetti e di simboli estetici ed etici della memoria collettiva del centro storico di Gallipoli , dal greco  kalè polis,  dalle architetture di epoca barocca.

Tra le finalità dell’evento la sensibilizzazione nella coscienza degli uomini della consapevolezza di  essere protagonisti di un patrimonio umano e urbano di un interesse straordinario.

Un bene culturale unicum.

Parte informativa – Si parte, come riferimento,  dagli spazi prossimi a torrioni, galleria del mare, spiaggia del seno della Purità ed edifici religiosi da rappresentare in senso figurato attraverso una o più immagini, una figura, un numero, un disegno, una foto, un rendering, una sinfonia di immagini e di segni dal taglio sociologico o con una  punteggiatura surreale che potrebbe sconfinare anche nell’immaginario collettivo.

Con la sensazione del piacere e del dolore o anche di ricordi, oppure di una condizione psicofisica con capacità introspettiva dove l’umanità  ha vissuto ed ha gioito, ha amato anche intensamente,  ha provato il bene ma anche la sofferenza.

Parte operativaI partecipanti vengono lasciati liberi di esplorare e sperimentare, e infine di  rapportare lo spazio con l’ambiente urbano e di proporre le opportunità più qualificanti nell’interesse del bene pubblico.

I siti individuati del borgo antico gallipolino sono stati, e ancora sono, i luoghi socializzanti, non solo della preghiera ma anche spazio  e sosta dei racconti dell’animo umano.

Bisogna far risplendere una nuova luce anzi antica, forse differente, certamente più coinvolgente ed emozionante.

Gallipoli è bella in quanto la luce del sole si riflette nel mare e inonda il borgo antico con uno strato velato di luminosità  diffusa.

Qui i sentimenti, quelli intimi all’uomo, scuotono desideri e speranze, anche collettive, che coinvolgono operatori culturali, turistici, sociali e commerciali.

Sito omogeneo sotto l’aspetto urbano ma con diversità sociali e valori distinti e a volte distanti dovuti all’ antica storia.

Grande occasione per rigenerare l’animo del sito storico gallipolino attraverso il dialogo e tanti incontri.

ConclusioniInfine questa è anche ricchezza analogica: come nel rapporto tra creatività e arte, tra arte e creatività così anche per il centro storico di Gallipoli si propone, attraverso il rapporto culturale, la sintonia, sulle indicazioni e sensibilità, appunto analogiche, tra professionisti e artigiani, tra artigiani e futuri professionisti, con funzioni diverse ma legati da affinità, uguaglianze e  similitudine.

Dove colori, generosità e allegria caratterizzeranno gli operatori del territorio partecipanti, senza eludere, annullare o snaturare il carattere e il significato storico, artistico, culturale ed estetico del bene nella sua complessità e peculiarità.

Dai partecipanti si attendono gli elaborati riguardanti ricerche storiche (accenni), studi preparatori (non obbligatori) proposte e soluzioni  compatibili con le  esigenze conservative dettate dalla normativa di tutela e salvaguardia, adeguate alla evoluzione dei tempi.

 Programma – PRIMO GIORNO – lunedì 18 novembre 2019

ore 9:00 – Registrazione partecipanti

ore 10:30 – Conferenza stampa – presentazione del workshop scopo dell’iniziativa

Pomeriggio – Ore 15:30 – Sopralluogo al borgo storico

SECONDO GIORNO – martedì 19 novembre 2019

Mattinata – gruppi di lavoro 3/5 partecipanti elaborati – riprese – schizzi – racconti – materiale sulle tematiche di storia locale.

Pomeriggio – ore 15:30Incontro – dibattito sul tema del workshop con la dirigente dell’U.T.C. del Comune di Gallipoli ing. Luisella Guerrieri e con i progettisti arch. Mauro Bolognese e ing. Sergio Leone.

Tavolo di elaborati sul centro storico.

TERZO GIORNO – mercoledì 20 novembre 2019

Mattinata – sopralluogo alle cave del “carparo” di Alezio

Pomeriggio – ore 15:30 incontro con i rappresentanti delle Associazioni locali

Tavolo degli elaborati prodotti.

QUARTO GIORNO – giovedì 21 novembre 2019

Mattinata – Tavolo come i giorni precedenti – sopralluogo ai frantoi ipogei

Pomeriggio (come sopra)

 QUINTO GIORNO – venerdì 22 novembre 2019

Mattinata – Incontro sulla vita in mare con una rappresentanza di pescatori gallipolini– conversazioni.

Pomeriggio ore 15:30 – Colloquio con il prof. avv. Raffaele Coppola – delegato Rotary International ai rapporti con l’Unesco per Puglia e Basilicata – “Il centro storico di Gallipoli e l’approdo della via francigena a S. Maria di Leuca  nella rete UNESCO – luci e ombre” –

Tavolo di chiusura degli elaborati prodotti.

Chiusura dei lavori. Orientamenti per il futuro.

Caroli Hotels rappresenta la tradizione di ospitalità nel Salento dal 1965, quando Attilio Caroli e Gilda Nuzzolese aprono a Santa Maria di Leuca l’Hotel Terminal e poi nel 1976 rilevano il complesso alberghiero Le Sirenuse a Gallipoli, trasformato successivamente in Ecoresort Le Sirenè. Con l’arrivo della terza generazione – Annamaria, Attilio, Gilda e Pierluigi Caputo – sono acquisite nuove strutture: nel 1985 l’ottocentesca Villa La Meridiana a Santa Maria di Leuca; nel 1987 il Joli Park Hotel di Gallipoli; nel 1995 si avvia la ristrutturazione del Bellavista Club sempre a Gallipoli. Alle attività alberghiere la famiglia Caroli – Caputo ha affiancato dal 1995 la commercializzazione di prelibatezze enogastronomiche salentine con il marchio La Dispensa di Caroli, il servizio di Agenzia Viaggi Caroli Turismo e la promozione del Salento attraverso le attività sportive con il brand Caroli Sport. Oggi siamo giunti alla quarta generazione con i pronipoti Mario e Gabriele, i posti letto sono oltre mille e Caroli Hotels s’impegna costantemente nella formazione professionale, nella ricerca di

nuovi servizi e iniziative per la promozione del territorio. Con SVieni a Gallipoli organizza un fitto calendario annuale di eventi in tutto il Salento, che

spaziano dallo sport all’arte, dalla gastronomia alla cultura, dal benessere alla spiritualità. Innovazione e dinamismo, servizi efficienti e accoglienza tagliata su misura, con particolare attenzione alle esigenze della famiglia. Certificati Ecolabel

EU, nei Caroli Hotels si utilizzano le tecnologie più innovative legate al campo delle energie alternative rinnovabili e materiali a basso impatto ambientale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.