IL REPORTAGE SOCIALE

0
192

Workshop “Il reportage sociale” con Daniele Coricciati Sabato 28 Febbraio – Domenica 1 Marzo 2015

C’è tempo fino a sabato 21 Febbraio per iscriversi al workshop organizzato dall’associazione fotografica Obiettivi dal tema “Il reportage sociale” tenuto dal fotografo Daniele Coricciati.

Un momento di incontro e confronto in cui si parlerà di fotografia e di fotografi, soprattutto coloro i quali hanno in qualche modo fatto la storia di un certo tipo di reportage, quei fotografi che non hanno fotografato guerre, miserie, disastri per emozionare e far riflettere con i loro lavori.

Il reportage sociale rappresenta la voglia di raccontare “belle storie”: tanti sono gli spunti di riflessione “positivi” e tante sono le opportunità meravigliose che la realtà regala quotidianamente.

L’obiettivo del workshop è guidare i partecipanti nello sviluppo di un progetto fotografico ed è rivolto a tutti coloro che vogliono avvicinarsi ad un modo nuovo di intendere e interpretare il reportage.

Due giornate intense, quelle di sabato 28 Febbraio e domenica 1 Marzo: si comincia con piccole ed essenziali nozioni tecniche per poi passare alla lettura guidata dei lavori di grandi fotografi, da Josef Koudelka a Larry Towell passando per Eugene Smith e tanti altri. Saranno analizzate le fasi indispensabili per la realizzazione di un reportage: l’idea, la pianificazione del lavoro, il progetto, il lavoro sul campo, l’editing e la presentazione finale.

Nell’occasione Daniele racconterà la sua esperienza in Azerbaijan nel 2011 e mostrerà una sezione del suo reportage ancora inedita.

 

Il workshop è a numero chiuso. Per info, dettagli e iscrizioni: info@associazioneobiettivi.it

Daniele Coricciati

Appassionato di fotografia sin da giovanissimo, si è formato tra il 1992 e il 2001, lavorando come assistente presso alcuni tra i principali studi fotografici del Salento. 

In questa fase del suo lavoro predilige fotografare gli eventi di massa, senza trascurare progetti di ricerca personale. Una svolta decisiva nell’approccio alla fotografia avviene attraverso la sua passione per i progetti fotografici a lungo termine. Conosce il lavoro di un grande fotografo, Joseph Koudelka. Il suo “Gypsies” diventa la pietra miliare della sua formazione.

Dal 2007 lavora a DOC (un ritratto del Salento) e dal 2011 è tra i protagonisti di “The Darkroom Project”, il progetto collettivo che si svolge a Muro Leccese (LE), dedicato alla fotografia analogica e alla camera oscura.

Una tappa decisiva del suo lavoro è il lungo viaggio in Azerbaijan alla fine del 2011 durante il quale ha realizzato il reportage fotografico Sola Andata esposto a Milano e a Roma nei primi mesi del 2014. 
Tra dicembre 2012 e dicembre 2013 realizza 36, tre serie di dodici fotografie che segnano una svolta nella sua ricerca e che raccontano in chiave intima e personale, un anno decisivo della sua vita. Una selezione delle opere è stata presentata in anteprima mondiale in Francia durante “Les Rencontres d’Arles” nel luglio del 2014.

Nel settembre dello stesso anno la mostra Sola Andata è stata esposta all’Aeroporto di Brindisi, ed ha aperto il “BitumePhotoFest” di Lecce. Alcune fotografie di Sola Andata sono state esposte anche in diverse collettive a Stoccarda e a Roma negli spazi della neonata TAG‚ “Tevere Art Gallery”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.