Il regista salentino Fabio Tolledi guiderà la delegazione italiana al Congresso mondiale dell’International Theatre Institute

0
7

Il regista salentino Fabio Tolledi guiderà la delegazione italiana al Congresso mondiale dell’International Theatre Institute

Il regista salentino Fabio Tolledi, direttore artistico di Astràgali Teatro, guiderà la delegazione italiana al trentacinquesimo Congresso mondiale dell’International Theatre Institute, la più grande e importante organizzazione per le arti dello spettacolo fondata dall’Unesco, che si terrà a Segovia in Spagna sino al 22 luglio. Dopo un prologo riservato al Festival di teatro universitario, dal 17 al 22 luglio i delegati di tutto il mondo discuteranno e pianificheranno il lavoro dei prossimi anni. Oltre a Tolledi, presidente del Centro Italiano dell’International Theatre Institute, il nostro Paese sarà rappresentanto anche da Roberta Quarta (Astràgali Teatro), Vito Minoia (Aenigma Teatro) e Gherardo Vitali Rosati (La Mama Umbria). Il Congresso ospiterà inoltre un fitto programma di workshop, presentazioni, incontri, spettacoli coinvolgendo centinaia di artisti, educatori e formatori, politici, ambasciatori del teatro, dirigenti dell’UNESCO, dell’ONU e di altre istituzioni. Durante il Congresso si terrà anche l’International Dance Symposium per rafforzare ulteriormente la presenza della danza all’interno dell’Iti. Durante il Congresso Tolledi, già coordinatore dell’European regional Council (che racchiude tutti i centri europei) presenterà il network “Theatre in Conflict Zones” del quale è segretario. Info e programma sul sito ufficiale iti-congress.org

Fondata nel 1948 a Praga, da esperti di teatro e danza dell’UNESCO, l’International Theatre Institute, unica organizzazione non governativa, operante in ambito culturale, in relazioni formali con l’UNESCO, è presente con Centri Nazionali in circa 100 Paesi, ed ha come obiettivo lo sviluppo di pratiche di cooperazione tra artisti e istituzioni teatrali a livello internazionale, per consolidare collaborazioni tra operatori culturali di tutto il mondo e favorire il dialogo interculturale. Mission primarie dell’ITI sono la promozione della pace attraverso l’arte, il sostegno dell’innovazione nelle arti performative, la valorizzazione delle diversità culturali, il rispetto dei diritti umani nel campo delle arti dello spettacolo. Tra i suoi membri ci sono l’Accademia Amiata Mutamenti (Grosseto), Teatro Vascello (Roma), Astràgali Teatro (Lecce), La Mama Umbria (Spoleto), Associazione Aenigma (Pesaro) insieme a singoli artisti e ricercatori. Tra le più note iniziative promosse a livello mondiale dall’International Theatre Institute figurano la Giornata Mondiale del Teatro (27 marzo), l’International Dance Day (29 aprile), il Theatre of Nations, dove si sono esibiti per la prima volta in Occidente, dopo la seconda Guerra mondiale, l’Opera di Pechino, il Berliner Ensemble, il Teatro Kabuki, il Teatro d’Arte di Mosca. Tra gli autori del messaggio della Giornata Mondiale del Teatro e tra i presidenti ITI si ricordano Jean Cocteau, Arthur Miller, Luchino Visconti, Eugène Ionesco, Wole Soyinka, Peter Brook, Ariane Mnouchkine, Isabelle Huppert per citare solo alcuni di una lunghissima lista.
Astragali nasce nel 1981 a Lecce per fare teatro, per formare attori, per dare vita ad uno spazio di circolazione dei discorsi e delle pratiche, per elaborare progettualità, per tessere trame e relazioni. Dal 1985 è riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come compagnia teatrale d’innovazione. Dal 2012 è sede del Centro Italiano dell’International Theatre Institute dell’Unesco. È membro della Anna Lindh Euro-Mediterranean Foundation for the Dialogue between Cultures. Uno spazio teatrale, come spesso raccontano le leggende dei teatri, è soprattutto una sorta di stazione in terraferma dove molti arrivano, molti partono, qualcuno resta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here