Fitto a Palermo: “Non sono contro berlusconi”

0
231

Nel cinema Fiamma strapieno a Palermo il leader dei Ricostruttori, Raffaele Fitto, lancia messaggi a Berlusconi e annuncia.

unnamed (1)

«Non parteciperemo con nostre liste alle prossime elezioni regionali, saremo in Forza Italia ma spiace che tutte le nostre manifestazioni siano accompagnate da commissariamenti, epurazioni e ripetute telefonate ai nostri dirigenti». Fitto non teme che i “suoi” candidati possano essere esclusi dalle liste per le regionali: «Se così fosse, dovrei pensare che temono i nostri consensi». «Comunque noi non siamo contro nessuno, ma per qualcosa. Non siamo all’attacco ma vogliamo dare solo un contributo e se la risposta è il commissariamento, ci dovremo difendere».

 Fitto ha ribadito di non essere «contro Berlusconi». «Su alcuni punti nel passato abbiamo fallito – ha aggiunto – e per ripartire dobbiamo necessariamente ammettere i nostri errori. Berlusconi ha due opzioni: chiudersi in un bunker con alcuni collaboratori o ascoltarci e fare regole che ci portino a candidati eletti e non nominati».
 «Quello che chiediamo, tra l’altro, è che ci sia democrazia interna nel nostro partito. Vogliamo primarie fatte con regole certe, perché non si può più prescindere dalla legittimazione popolare. Basta con i candidati nominati», ha concluso.
 All’appuntamento hanno partecipato circa 500 persone. Presente anche l’ex candidato governatore del centrodestra alle scorse regionali, Nello Musumeci. La manifestazione si è aperta con un video di sei minuti in cui si sono alternate immagini di Margaret Thatcher e Oriana Fallaci, simbolo di una politica europea e dell’immigrazione in cui i Ricostruttori si riconoscono, frammenti delle vittorie italiane nello sport, auspicio di un Paese che torni a vincere, e foto di personaggi come i giudici Falcone e Borsellino e don Pino Puglisi, uccisi dalla mafia.
 L’ex ministro  che ha introdotto la manifestazione ha sostenuto che «c’è una grande domanda di confronto e di partecipazione. Parliamo di contenuti, di cose da fare: fisco e sviluppo, sicurezza sociale, pmi, imprese, famiglia, lavoro. Su questi temi vogliamo offrire la nostra ricetta». «Qui in Sicilia – ha aggiunto – la situazione è disastrosa: abbiamo un presidente della Regione incapace e inadeguato che ha gestito in modo fallimentare la Regione».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.