Emergenza Xylella, Mazzei

0
347

Il Pd di Emiliano voti con noi la sfiducia a Nardoni. Altrimenti siamo su Scherzi a  Parte.

Finalmente anche il centrosinistra apre gli occhi e prende definitivamente atto della mala gestione del problema Xylella che sta fiaccando il territorio salentino e le sue aziende agricole che versano in una crisi che sembra essere irreversibile.

Ciò che ha detto nei giorni scorsi il Segretario regionale del Pd Michele Emiliano non ammette repliche, poiché uno dei candidati alla successione di Vendola parla in termini espliciti non soltanto dei ritardi operativi della Regione Puglia ma, addirittura, dell’incuria con cui la Giunta ha affrontato il tema e punta l’indice contro il rimedio che l’Esecutivo regionale avrebbe pensato di applicare (l’eradicazione di quasi due milioni di alberi) che sarebbe peggiore del male.

Non è un caso che lo stesso emiliano abbia retweettato la nostra richiesta di dimissione dell’Assessore alle Risorse Agroalimentari della Puglia.

Ora, però, c’è da passare dalle parole ai fatti, c’è da mette la parola fine all’immobilismo di cui ci si è ammantati in questi anni e provare a risolvere il problema in maniera definitiva.

Nel prossimo Consiglio regionale, si discuterà la nostra mozione di sfiducia nei confronti di Fabrizio Nardoni: se i consiglieri del Partito Democratico agiranno di conseguenza alle parole espresse da Emiliano voteranno insieme a noi la rimozione dell’Assessore. Poi, subito dopo, con grande senso di responsabilità, tutti insieme proveremo a giocare l’unica carta possibile: la richiesta di nomina di un commissario (che ovviamente non potrà essere Nichi Vendola, viste le responsabilità regionali) per cercare di trovare in tempi brevi le adeguate risposte agli imprenditori del settore stremati dalla crisi.

Non è un caso che l’eurodeputato del Pd Lavarra definisce irresponsabile chi si pone contro il commissariamento. Insomma, il prossimo Consiglio sarà la cartina al tornasole della serietà con cui il centrosinistra vuole affrontare il problema. Se il Pd compatto sosterrà Nardoni significa che le parole di Emiliano non contano nulla, si tratterebbe solo di schermate elettorali e noi non possiamo permettere che il gioco delle primarie venga fatto sulla testa del territorio salentino.

Mentre Emiliano e Nardoni litigano la Xylella avanza e gli agricoltori e florovivaisti non hanno ancora visto un euro a seguito di un’azione concreta di contrasto al batterio killer. Chi opererà in difformità ad un principio di trasparenza e lealtà nei confronti del Salento dovrà per questo essere giudicato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.