ELEZIONI REGIONALI: LARICCHIA (M5S) E POLI BORTONE (FI).

0
290

 A CONFRONTO CON L’ANDE SUL RUOLO DELLA DONNA IN POLITICA . Organizzato dall’Associazione Nazionale Donne Elettrici, presso il Palazzo della Provincia di Bari, l’incontro sulla partecipazione femminile nell’amministrazione pubblica.

palazzo della provincia di bariIn un’assemblea tutta in rosa, le due donne candidate alla Presidenza della Regione Puglia Antonella Laricchia (M5S) e Adriana Poli Bortone (FI) hanno affrontato il tema della partecipazione femminile nell’amministrazione pubblica, in un incontro organizzato dall’ANDE (Associazione Nazionale Donne Elettrici) e moderato dalla giornalista Carmela Formicola, tenutosi ieri presso il Palazzo della Provincia di Bari.

Abbiamo sempre dato un suggerimento a tutte le forze politichedichiara Antonella Laricchia (M5S)A queste elezioni noi presentiamo il 46% delle donne nelle nostre liste, siamo la forza politica che ha la maggior presenza femminile. Alle ultime elezioni europee abbiamo eletto quattro donne su cinque nella circoscrizione meridionale. Nel collegio Sicilia 1, la percentuale delle donne presenti nelle nostre liste ha raggiunto addirittura il 70%. Come? Semplicemente senza nessuna segreteria di partitospiega la candidata governatrice per il M5S ma lasciando la libertà di scegliere ai nostri iscritti: in questo modo le donne vengono premiate automaticamente.  Quello che bisogna cambiare sono quei limiti sociali che spesso impediscono alle donne di potersi impegnare in politica. Come mai le donne non sono disponibili? È su queste motivazioni che in Parlamento abbiamo richiesto di intervenire sulle pari opportunità, la cui delega il premier Renzi preferisce avocare a sé senza produrre risultati. Su questo versante, il risultato maggiore è stata la ratifica della convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne, fortemente voluta dai parlamentari 5 Stelle. L’obiettivo, dunqueprosegue Antonella Laricchia (M5S)è garantire quelle pari opportunità di fatto che diano la possibilità anche alle donne di impegnarsi in politica. Siamo convinti, inoltre, che il nostro modo di fare politica sia efficace: ad esempio perché prevede il limite dei due mandati, il dimezzamento dello stipendio perché allontanare i soldi dalla politica è il modo migliore per fare in modo che non diventi un lavoro ma un impegno, che devono portare avanti persone incensurate”.

All’incontro, conclusosi con un invito alle donne ad impegnarsi in prima persona per migliorare la società dove mettono al mondo i propri figli, garantendogli la possibilità di restare senza dover essere costretti a partire, sono intervenute anche le candidate 5 Stelle Roberta Perri, Elisabetta Pani, Loretta Moramarco ed Emma Prencipe.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.