Don Bosco, arrestato spacciatore in via Statilio Ottato

0
242

Compartimento di Polizia Ferroviaria per il Lazio.

Cocaina, soldi in contanti, una pistola e diversi proiettili. E’ questo l’esito di una approfondita perquisizione fatta dagli agenti del Compartimento di Polizia Ferroviaria per il Lazio nel pomeriggio di sabato scorso, durante i controlli predisposti per il contrasto agli illeciti in ambito ferroviario e che hanno portato all’arresto di un italiano di 27 anni, responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e possesso di arma da fuoco alterata.

Grazie ad una fonte confidenziale, il personale della Squadra di Polizia Giudiziaria, apprendeva di un imminente arrivo di sostanza stupefacente nella disponibilità di un giovane italiano di cui si conosceva solo il modello e la targa dell’autovettura da lui condotta. La consegna sarebbe dovuta avvenire in zona Palmiro Togliatti. Per tale motivo sono stati immediatamente predisposti una serie di servizi di appostamento finalizzati ad individuare il giovane nella zona indicata di via Statilio Ottato.

Nella prima serata il giovane veniva individuato, mentre trasportava un sacco voluminoso e pesante che poi depositava in un box ubicato proprio in via Ottato e così gli agenti della Squadra Giudiziaria della PolFer Roma coordinati dal vice questore aggiunto Marco Napoli e diretti dal dottor Domenico Ponziani hanno deciso di seguirne gli spostamenti per cercare di individuare eventuali altri personaggi coinvolti in una possibile attività illecita. In assenza di ulteriori riscontri il giovane veniva fermato e si procedeva alla perquisizione domiciliare del box, della casa dei genitori.

COCAINA, DENARO E PISTOLA – All’interno del box la scoperta. I poliziotti hanno immediatamente notato 9 confezioni avvolte in cellophane contenenti sostanza stupefacente successivamente accertato trattarsi di cocaina per un peso complessivo lordo di circa 9 chili e 800 grammi mentre all’interno dell’appartamento dei genitori del giovane venivano rinvenute, occultate in alcune scatole di scarpe, numerosissime banconote suddivise in ‘mazzette’ per un totale di circa 400 mila euro nonché, celata in uno zaino, una pistola semiautomatica con matricola abrasa e completa di munizionamento, oltre ad alcune bilance elettroniche presumibilmente utilizzate per la suddivisione dello stupefacente.
La perquisizione veniva estesa anche all’abitazione del giovane all’interno della quale venivano rinvenuti, accuratamente celati, una ulteriore somma di denaro contante ammontante a circa 6.500 euro e 20 proiettili della stessa marca e calibro di quelli rinvenuti a casa dei genitori.
Il giovane veniva così arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, possesso e ricettazione di arma clandestina con matricola abrasa. Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro e messo a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.