Curdi in fuga, in 23 approdano nei pressi di Leuca: sono tutti maschi adulti. Da 5mila a 7mila euro il costo del viaggio

0
60

Un  lungo viaggio di due giorni, con partenza dalla Turchia.

Sono così giunti affamati, stremati e con gli abiti lisi e bagnati i 23 curdo-iraniani e curdo-iracheni, tutti maschi adulti, rintracciati ieri nella zona di Punta Meliso, capo di Leuca.

Ad accoglierli e prestare loro la prima assistenza i volontari della Croce Rossa, in ossequio ai principi fondamentali – prima di tutto l’umanità – che regolano la vita dell’organizzazione. Ad attivarla la Guardia di Finanza, impegnata nella sorveglianza delle frontiere marittime, ai fini del contrasto all’immigrazione irregolare e ad altri traffici illeciti. Con i finanzieri anche gli agenti del commissariato di Taurisano.

Il dispositivo è scattato nel pomeriggio di ieri. I migranti sono giunti a riva su un motoscafo, che li ha lasciati sul costone. Tutto sommato, come si è constatato ad una prima valutazione, erano in buone condizioni di salute, nonostante fossero a digiuno da giorni e prossimi all’ipotermia. Le temperature si sono abbassate, infatti. E i viaggi per mare in condizioni precarie rappresentano, in ogni caso, un grosso rischio.

I volontari li hanno prontamente accolti con coperte termiche e con altri mezzi di prima assistenza. Hanno dichiarato di aver pagato per il viaggio dai 5mila ai 7mila euro a persona e che il natante era condotto da uno scafista di presunta nazionalità greca che, dopo averli fatti scendere si è allontanato immediatamente con la stessa imbarcazione. L’ultima tappa, prima di giungere in Salento, sarebbe stata Kyrkyra, in Grecia. I migranti sono stati condotti al centro don Tonino Bello di Otranto per le consuete procedure di identificazione e hanno manifestato la volontà di richiedere la protezione internazionale.

E’ proprio di queste ore una notizia che mette in evidenza come il popolo curdo – che ha contribuito attivamente alla sconfitta dell’Isis – subisca una nuova minaccia. Secondo quanto si apprende dalle agenzie, infatti, il premier turco Erdogan si starebbe preparando a invadere il nord della Siria, con il benestare di Trump che starebbe ritirando le truppe.

Una mossa che suona, per le forze curdo-siriane, come una vera e propria pugnalata alle spalle da parte degli Stati Uniti. E che spalanca le porte a una grave destabilizzazione dell’area. Con il rischio concreto che questo possa generare nuove ondate di sfollati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.