Curare il territorio salentino per ridurre e magari risolvere le sue criticità ambientali

0
361

Curare il territorio salentino per ridurre e magari risolvere le sue criticità ambientali si può e Cambiamo sarà in prima linea.

 Si è svolto nella splendida location della Fondazione palmieri a Lecce il convegno organizzato da Cambiamo” sul  : “AMBIENTE E QUALITA’ DELLA VITA : C’E’ UN MODO PER SALVARE IL SALENTO ?” Relatore è stato  il prof. Pasquale Cavaliere, docente del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento.

Il coordinatore Cittadino di Cambiamo, Wojtek Pankiewicz ha dichiarato che tra i punti principali dell’impegno di Cambiamo al servizio di Lecce e del Salento ci saranno le questioni ambientali, dalla lotta contro l’inquinamento alla promozione delle politiche ecologiche. Ma, poichè i politici non sono tuttologi, le soluzioni per proteggere il nostro territorio le suggeriranno i luminari come il prof. Pasquale Cavaliere, gli esperti, le associazioni, i cittadini, la politica, dopo aver ascoltato, farà poi le sue scelte, assumerà la sue decisioni progettuali.

Federica De Benedetto, coordinatrice Regionale di Cambiamo, ha affermato che a Cambiamo sta a cuore la qualità della proposta politica con soluzioni ai problemi individuate col contributo di coloro che hanno competenze specifiche.

Il prof. Pasquale Cavaliere, docente del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento ha dapprima illustrato le principali criticità ambientali quali il riscaldamento globale, l’inquinamento marino, la cementificazione e i rifiuti, passando poi a suggerire le principali soluzioni per proteggere il nostro territorio, come i sistemi energetici alternativi, la riduzione dei consumi ad alto impatto ambientale tipo le plastiche monouso, infrastrutture moderne per la gestione del ciclo dei rifiuti, mobilità sostenibile.

Hanno quindi preso la parola le due delegate alle questioni ambientali di Cambiamo, Elia Franchini ed Elisabetta Pagliara. Franchini ha affermato, parlando dell’Ilva, che purtroppo ci siamo dovuti porre una domanda che chi ha governato la Regione Puglia negli ultimi 15 anni non avrebbe mai dovuto consentire che potesse porsi, una domanda che avrebbe dovuto impegnare a fondo e far insorgere una classe politica inconcludente: meglio lavorare o morire? Occorre intraprendere un percorso di rilancio con un virtuoso nuovo governo regionale Pagliara ha affermato che occorre avere anche un modo positivo di porsi evidenziando la qualità della vita del nostro territorio salentino , una delle regioni piè belle d’Italia, come ad esempio i benefici fisici e mentali determinati dalla presenza quotidiana del sole. E’ seguito un interessante dibattito al quale hanno preso parte Angelo Colagiorgio, Adele De Dominicis, Paolo Cavaliere e Carla Palmieri.

La conclusione dei lavori è stata positiva. Curare il territorio salentino per ridurre e magari risolvere le sue criticità ambientali si può e Cambiamo sarà in prima linea.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.