“Corso per Assistenti Bagnanti”, brevetto per gli studenti del “Da Vinci”

0
348

“Corso per Assistenti Bagnanti”, brevetto per gli studenti del “Da Vinci”

La Federazione Italiana Nuoto ha stipulato un protocollo d’intesa con il Ministero della Pubblica Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) per la promozione di progetti volti a diffondere il concetto della sicurezza in acqua negli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado e nelle Università.

Grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” di Maglie e la Piscina Comunale Fimco Sport di Maglie, questi progetti sono approdati anche nel Salento dove, la settimana scorsa, si è concluso il primo “Corso per Assistenti Bagnanti” (in convenzione con la Federazione Italiana Nuoto) che ha permesso a moltissimi studenti di acquisire una qualifica professionale ad un costo vantaggioso.

Ciò è stato possibile grazie all’impegno della dirigente scolastica Annarita Corrado, di Mara Mighali, docente di Scienze Motorie e Sportive che ha svolto il ruolo di tutor, e di Gigi Mileti, vice presidente della Fin Puglia e direttore della Piscina Comunale che da anni ospita anche corsi di formazione.

«Siamo da sempre particolarmente sensibili all’organizzazione di questi corsi – ha commentato Mileti -, poiché la nostra mission come Scuola Nuoto Federale è proprio la diffusione della cultura acquatica non solo in ottica didattica, di formazione e sportiva, ma anche in quella della sicurezza e del giusto approccio con l’acqua. Devo ringraziare la dirigente e la professoressa Mighali per l’attenzione mostrata nei confronti della nostra proposta e per l’impegno nella divulgazione all’interno dell’Istituto scolastico, che ha permesso la partecipazione al corso di trenta studenti».

Il corso prevedeva lezioni pratiche in acqua – con l’insegnamento delle nuotate per salvamento e delle prese di trasporto – e lezioni teoriche che comprendevano esercitazioni di Primo Soccorso, in quanto il brevetto per Assistente Bagnanti della FIN è comprensivo dell’attestato di BLS: queste ultime sono state tenute da Vito Schimera.

Soddisfatto il fiduciario provinciale di Salvamento FIN Gianni Martina, curatore e realizzatore del progetto: «Oltre che per far capire l’importanza della sicurezza in acqua, il progetto nasce per sensibilizzare i giovani alla prevenzione di incidenti ed infortuni, anche al di fuori del contesto acquatico. Aderendo al progetto le scuole incrementano la propria offerta formativa e danno agli studenti un’opportunità di inserimento nel mondo del lavoro. D’altro canto, la formazione offre alle piscine, agli stabilimenti balneari ed ai villaggi turistici del nostro territorio la possibilità di contare su nuova forza lavoro».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.