CONCERTI E SCAMBI CULTURALI DEL TITO SCHIPA CON L’UNIVERSITÀ DI NANCHANG IN CINA

0
217

CONCERTI E SCAMBI CULTURALI DEL TITO SCHIPA CON L’UNIVERSITÀ DI NANCHANG IN CINA

I progetti “Marco Polo” e “Turandot”, varati dal Miur per facilitare l’inserimento degli allievi cinesi nelle Accademie di Belle Arti e nei Conservatori italiani, hanno gettato le basi di un solido processo migratorio che ormai muove, autonomamente, migliaia di giovani musicisti a volare dalla Cina e popolare i Conservatori di Musica italiani.

“Il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce ha deciso di investire molto nel processo di internazionalizzazione – dichiara il Direttore Giuseppe Spedicati – per migliorare la propria offerta formativa, ma soprattutto per operare una scelta strategica di inserimento del Conservatorio in un contesto più ampio”.

E’ stato questo l’input che ha portato una delegazione del Conservatorio salentino costituita dal Direttore Giuseppe Spedicati, dal Referente all’Internazionalizzazione, prof.ssa Maria Giuseppina Solazzo, dai professori Leonardo Gramegna, tenore e docente di Canto Lirico, Giovanni Pellegrini, direttore d’orchestra e docente di Musica d’Insieme per Strumenti a Fiato e da Vincenzo Rana, Maestro Collaboratore e docente di Lettura della Partituta – a rappresentare l’aulica cultura musicale italiana e a siglare un accordo di collaborazione con la Nanchang University, Dipartimento di Musica, Arte e Teatro.

La visita a Nanchang, strutturata in una serie di appuntamenti istituzionali che hanno posto in risalto le caratteristiche didattiche, programmatiche e artistiche di entrambe le strutture, si è sviluppata in una serie di Masterclass in cui i docenti del Tito Schipa hanno condiviso le proprie esperienze didattiche con quelle della scuola asiatica.

Momento di alto afflato e di grande condivisione è stato il concerto che gli artisti salentini hanno offerto al pubblico cinese Mercoledì 15 marzo nella Aula Magna dell’Università.

La prima parte del concerto ha visto l’esibizione del tenore Leonardo Gramegna che, accompagnato al pianoforte da Vincenzo Rana, ha proposto alcune delle più belle pagine cameristiche di G. B. Martini, R. Leoncavallo, P. Tosti, A. Lara; Vincenzo Rana ha eseguito per pianoforte solo “Casta Diva” di Fumagalli e “Sogno” dal Guglielmo Ratcliff di P. Mascagni.

In seconda parte, Giovanni Pellegrini ha diretto l’Orchestra dell’Università di Nanchang nel brano di Moussorgskj “Notte sul Monte Calvo”, Intermezzo dalla “Cavalleria Rusticana” di P. Mascagni, due brani di compositori cinesi e “E lucevan le Stelle” dalla Tosca di G. Puccini.

Grande entusiasmo, successo di pubblico e numerose chiamate in scena, hanno portato i nostri artisti a concedere vari bis.

“Grazie alla grande collaborazione di tutti i professori e del personale amministrativo del Tito Schipa – dichiara ancora il Direttore Spedicati – la nostra Istituzione sta perseguendo questa strada densa di relazioni internazionali che porterà sicuramente a un’integrazione dei fenomeni di globalizzazione e di assorbimento di stimoli culturali in cui il proficuo scambio di espressioni musicali e artistiche vincenti renderà tutti noi particolarmente attuali e competitivi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.