CASTROMEDIANO Storia della Frazione

0
203

PIPPI QUARTA, L’AUTOSALONE  E LA LOTTIZZAZIONE DEI PRANZO 

Fra i pionieri di Castromediano che hanno contribuito a dare corpo alla Frazione un autorevole posto spetta sicuramente a Giuseppe Quarta, più noto come “mesciu Pippi”.

Pippi Quarta nasce a San Pietro in Lama il 18 marzo del 1932, 87 anni, Sposato, moglie e 2 figlie femmine. La presenza di Quarta a Castromediano risale al 1958 quando a 26 anni decide di aprire un’officina meccanica sulla via Leuca  per la riparazione di auto, macchine e trattori. I clienti non mancavano, avendo lavorato per qualche tempo  alla Fiat. L’officina si trasformerà poi, nel 1979, in Autosalone.

«Qui a Castromediano sono venuto nel 1963 da sposato e residente.  Avevo fatto le case e quindi mi sono trasferito qui. Quando mio suocero, che aveva dei suoli, lottizzò qui, mi sono comprata una zona e ho costruito in via Comunità Europea dove abito ancora oggi.

Nel periodo in cui lavoravo in officina, nel 1958, qui era un deserto. Nelle vicinanze non c’era niente. Sulla via Leuca, verso Lecce,c’era la costruzione dove oggi c’è la Ferramenta e di fronte la casa dei Gigante.

Qui invece mio suocero fece la 1^ lottizzazione e io costruì la 1^ costruzione.  La strada era asfaltata per modo di dire..   Non c’era niente. Questa zona era tutta una masseria, dei Bernardini, dove c’è la  Colombaia ed era tutta proprietà dei Pranzo. A me dicevano: “ti sei comprata una zona dentro una masseria….”    . Poi cominciarono a costruire anche gli altri, dopo una decina di anni.

Si beveva l’acqua del pozzo dei Pranzo che c’è ancora alla torre Colombaia e che gestivo io. Raccoglievo i soldi in base ai consumi. Poi il pozzo lo comprò il comune con la prospettiva di dare acqua al campo sportivo Bisanti. Dopo però è stato fatto un pozzo autonomo. Il motore del pozzo era di Gigante l’architetto che propose la delibera di istituzione della Frazione di Castromediano nel 1969. Anche loro, i Gigante, avevano il pozzo e davano l’acqua ai vicini e ai cantieri. E’ stato giusto fare la Frazione perchè ormai c’erano molti proprietari.

La via Leuca è stata sempre una strada trafficata e l’officina, dal ’58 in poi,  lavorava con i tanti clienti che avevo perché avevo lavorato alla Fiat.

Quando hanno costruito la superstrada per  Maglie c’è stato un calo ma non si è sentito. La gente si è divisa. Non c’è stato un danno economico perchè intanto le auto sono aumentate. E’ stata meno trafficata, ma nessun calo.

Vicino al semaforo c’era Villa Campobasso ma non so altro. Dove c’è adesso la Ce.Di.Ca.   c’era l’Aurelio  Stabile che aveva le vacche nella masseria di Pranzo. La maggior parte dei terreni era dei Pranzo-Zaccaria, di don Ninuzzo.

Il valore del terreno e delle abitazioni a Castromediano  è di poco superiore a quello di Cavallino. Quando ho stipulato e ho costruito con l’architetto  Greco in via Comunità Europea  era campagna . Adesso è passato edificabile.  E’ vero, alcuni  di Cavallino vogliono venire ad abitare a Castromediano, anche se tante cose non ci stanno .. Finalmente l’ex Bisanti , il Parco, è un bel polmone».

Cesare Mazzotta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.