Anatra zoppa, al via il confronto con i rappresentanti delle civiche. L’ipotesi di un “Patto per la città”

0
193

Un “Patto per la città”, un accordo sottoscritto alla luce del sole per garantire una governabilità che metta al centro “l’interesse di Lecce e dei cittadini”.

E’ questa la proposta del sindaco Carlo Salvemini ai gruppi di opposizione, attuale maggioranza.

Il confronto è già iniziato. Oggi il primo cittadino ha “personalmente incontrato i consiglieri comunali delle liste civiche interessate a scongiurare il rischio di un commissariamento, giudicato invece come utile alla città da altre forze politiche”, con cui ogni possibilità di intesa appare lontana se non impossibile.

Pertanto, Salvemini ha invitato a palazzo Carafa, quindi in una sede istituzionale, prima Bernardo Monticelli Cuggiò, di Lecce città del mondo. Poi, in serata, è stata la volta di Laura Calò, Antonio Finamore e Paola Gigante di Grande Lecce (Alberto Russi era assente per motivazioni personali). Sabato 17 Salvemini incontrerà Mauro Giliberti, capogruppo dell’opposizione, già candidato sindaco, oggi fuori Lecce per ragioni di lavoro.

Questo cronoprogramma è stato reso noto direttamente dal sindaco Salvemini, con trasparenza, sul suo profilo facebook, a seguito del Consiglio Comunale odierno, nel corso del quale è stata approvata la delibera che prende atto delle commissioni consiliari e di fatto rende possibile l’avvio dell’esame del Bilancio di previsione.

La possibilità di condivisione di questo Patto per la Città andrà verificata entro il mese di marzo e comunque prima della seduta in Consiglio per l’approvazione del Bilancio di Previsione 2018-2020. Se tale ipotesi sfocerà in un nulla di fatto Carlo Salvemini darà le sue irrevocabili dimissioni. Il che spalancherà inevitabilmente le porte a un anno di commissariamento e, quindi, a nuove elezioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.