AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI GALATINA

0
1024

Incontro formativo dal tema “Nuove norme su Separazione e Divorzio breve. La gestione del conflitto e l’intervento specialistico di Mediazione Familiare”.

divorzio breve

Si è svolto mercoledì 8 luglio, presso la Sala Polifunzionale dell’Ambito Territoriale Sociale di Galatina, sita in via Montegrappa 8.

Hanno aperto i lavori il dr. Cosimo Montagna, Sindaco di Galatina e la prof.ssa Daniela Vantaggiato, Assessore alle Politiche Sociali e Presidente delegato dell’ATS di Galatina.
Tra i relatori, il dott. Paolo MORONI, Giudice II Sezione del Tribunale di Lecce ha fatto emergere l’esigenza, da parte della magistratura, di punti di riferimento certi ed equilibrati oltre che una fattiva collaborazione tra la magistratura e la rete dei servizi del territorio coinvolti nella gestione della coppia in fase di separazione. Il Giudice Moroni ha auspicando la creazione di una rete tra istituzioni attraverso i servizi per accompagnare i cittadini attraverso un percorso di auto responsabilizzazione e consapevolezza dell’importanza del bene pubblico.

L’Avv. Alessandro NOCCO, Esperto in management delle politiche di welfare e Coordinatore del centro Risorse della Provincia di Lecce ha parlato della Mediazione come Servizio nella Rete dei Servizi per il territorio e dello Spazio Neutro come un intervento specialistico interconnesso alla mediazione familiare ai sensi dell’art. 94 del Regolamento Regionale 4/2007 all’interno del quale,  attraverso l’apporto di personale qualificato, si facilita e favorisce l’ avvicinamento emotivo tra genitori e figli, che abbiano subito o abbiano in corso un’interruzione di rapporto determinata da dinamiche gravemente conflittuali. Lo Spazio Neutro promuove il concretizzarsi delle condizioni di incontro positivo privilegiando, a seconda delle situazioni, l’aspetto della tutela, dell’osservazione e del supporto.

La dr.ssa Marina LILLA, neuropsichiatra infantile ha utilizzato l’approccio sistemico per descrivere il “sistema famiglia”, analizzando l’evoluzione del conflitto all’interno del nucleo familiare e le conseguenze generate dalla cattiva gestione della crisi familiare: patologie e psicopatologie che possono emergere nelle diverse fasi evolutive dei minori.

La dr.ssa A. Monia GUGLIELMO, Pedagogista e Mediatrice Familiare Sistemica Relazionale dell’ATS di Galatina e presso il Centro Risorse per la Famiglia ha messo in rilievo come lo scopo della mediazione sia quello di accogliere la sofferenza perché essa si trascenda e apra la porta ad un nuovo equilibrio, a un’armonia vissuta con se stessi e gli altri e, perché no, a una nuova forma di felicità. La mediazione offre, dunque, la possibilità di non fuggire e di scoprire che ogni sofferenza può essere all’origine di una trasformazione e di una crescita. In quest’ottica, il conflitto – la separazione vengono accolti come un vissuto del qui ed ora e attraversati in quanto appartenenti ad un processo individuale e relazionale.

La dr.ssa Donatella CARACHINO, Avvocato e Mediatrice familiare  ha illustrato la carta dei servizi e le procedure di accesso al Servizio di Mediazione familiare sottolineando l’importanza della co-mediazione e cioè del  confronto tra mediatori provenienti da diverse scuole di pensiero ai fini di una proficua gestione dei casi.

L’Avv. Luca MONTICCHIO, Esperto di Diritto di Famiglia ha magistralmente moderato l’evento formativo sottolineando la centralità dei diritti dei minori e indicando la figura giuridica del “curatore” come previsto dalla convenzione di Strasburgo.

L’Assessore Daniela Vantaggiato, in chiusura dei lavori, ha riaffermato con forza la bontà dell’iniziativa formativa ringraziando tutti coloro che partecipando hanno dato il loro “contributo in professionalità ed umanità, binomio utile anzi indispensabile quando si affrontano problematiche relative alla famiglia ed alla famiglia con minori” e si è impegnata a continuare il colloquio tra istituzioni ed enti, in particolare a fronte della chiusura del Centro risorse per la famiglia, della Provincia, sinora interlocutore privilegiato del Tribunale di Lecce, ha chiesto agli operatori di fare chiarezza circa la presenza del Servizio di mediazione presso i dieci ambiti sociali, ed ha affermato che riferirà al Coordinamento quanto emerso dal confronto perché l’Ambito di Galatina, d’intesa con la Regione Puglia, possa rinforzare il Servizio di Mediazione, anche alla luce delle pluralità e precarietà crescenti delle situazioni familiari.

L’incontro è stato una preziosa opportunità di formazione per tutti coloro che si occupano delle problematiche connesse alla crisi familiare, in ambito giuridico, psicologico e sociale. Il Servizio di Mediazione Familiare dell’Ambito Territoriale Sociale di Galatina offre alle coppie che attraversano la crisi separativa, un tempo, un luogo e interlocutori qualificati e neutrali per agevolare una comunicazione efficace e utile a prendere decisioni condivise e sostenibili specialmente nel caso in cui, in tale scelte siano coinvolti i figli. Le operatrici del Servizio di Mediazione familiare dell’ATS di Galatina ricevono l’utenza il lunedì dalle 9:00 alle 13:00; martedì e giovedì dalle 16:00 alle 19:00. E’ possibile fissare un appuntamento attraverso i front-office di Segretariato sociale professionale dislocati presso i sei Comuni dell’Ambito Territoriale Sociale di Galatina.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.