Accordo FI e AP-NCD

0
400

LECCE ELEZIONI COMUNALI  2017

Vengono allo scoperto le reali intenzioni di chi si autodefinisce del centro destra a seconda i territori e poi si allea con la Sinistra a San Marco in Lamis e a Brindisi con gli assessori espulsi dal PD dopo il caso Consales. Si vuole ancora imporre le scelte di guida a Lecce per via dinastica o per successione. Una coalizione che mira a vincere una competizione elettorale avrebbe plaudito all’iniziativa di Forza Italia che ha lavorato per allargare la coalizione, ed invece l’insofferenza di avere un possibile alleato “sgradito” fa uscire allo scoperto chi pensava di utilizzare la lista “Noi con Salvini” come buttafuori. La distinzione non è tra chi è di centrodestra o del PPE, ma tra chi vuole imporre il candidato Sindaco e chi vorrebbe che la scelta fosse condivisa. 

Mi chiedo se i COR e i Leghisti parlino della stessa coalizione che governa la Lombardia, che si è presentata a Milano alle scorse elezioni. Agli smemorati di Collegno voglio ricordare che la Coalizione composta da COR, Forza Italia, Area Popolare e Salvini si è presentata anche a Gallipoli la scorsa primavera. Cosa sarà cambiato?
A scanso di equivoci intendo chiarire che l’accordo con Forza Italia ha dei contenuti importanti che partono dai punti programmatici comuni per arrivare ai candidati Sindaci da proporre a chi vuole davvero condividere un’idea di rilancio della Città. Resto convinto che partire dal PPE è la giusta via, che porta una ventata di novità nei metodi e nelle procedure, solo così vedremo così vuole davvero il bene della città e chi invece mira ad altro. La selezione sarà naturale!
 
Luigi Mazzei
Coordinatore Provinciale AP-NCD

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.